Milioni di italiani stanno discutendo su cosa sia più sano mangiare. La febbre salutista è alle stelle. Le intolleranze alimentari impazzano, la caccia al glutine è aperta. Schiere di cittadini sovrappeso tirano la cinghia e si iscrivono a corsi di fitness, yoga, marcia con i bastoncini e rebirthing olistico.

Il movimento progressista è depresso e rifluisce nel personale che in fondo è politico anche quello. Vanno molto forte i post macrobiotici che ci dicono che se mangi integrale e vegetariano diventi migliore e guarisci dalla colite perché i popoli che mangiano riso integrale e soia non soffrono di stomaco: per almeno 10mila anni gli umani si sono nutriti di granaglie e il nostro sistema digerente è fatto per digerirle. Vero!

Ma poi arriva un altro gruppo che dice: “Ma siete pazzi? Il nostro stomaco è fatto per digerire solo cibi crudi! Per milioni di anni non abbiamo mangiato altro! Il riso lessato è moneta del demonio”! E che per milioni di anni si sia mangiato tutto crudo è indiscutibile perché allo stato di scimmioni non conoscevamo il fuoco.
Ma poi arrivano altri ancora che ululano: “Follia! Follia! Se mangi solo vegetali crudi muori d’inedia perché ti mancano i grassi e i microelementi che solo un bel pasto a base di insetti ti può dare… Perché per milioni di anni abbiamo mangiato vermi e cavallette ed è suicida restare senza”.
Ma a me mangiare gli insetti mi fa schifo e se li mangio mi deprimo e la depressione fa più male della salsiccia fritta con la margarina rettificata, addittivata, aromatizzata e colorata.

La soluzione qual è? Non c’è. E bisognerebbe iniziare ad arrestare tutti quelli che di dicono di sapere esattamente cosa devono mangiare tutti i 7 miliardi di umani che pullulano sul pianeta.
Sarebbe il caso che ognuno seguisse il buon senso e abbandonasse le idee assolute e le verità in confezione spray. Scoprire qual è la dieta migliore per te è un lavoro duro e difficile e le semplificazioni provocano danni collaterali peggiori degli anticrittogamici.

Grigliata

Si rischia di far la fine della vegana americana che dopo aver rischiato di morire per carenza vitaminica è diventata una carnivora ossessiva e ha scritto un libro nel quale dichiara che mangiare vegetali è un casino perché provocano un mare di allergie e intolleranze. Invece non si è mai sentito dire di qualcuno che sia intollerante alle bistecche. Quindi mangiare solo carne è meglio!
Ci vuole raziocinio. Se mangi hamburgher extrachimici anabolizzati, bere Coca Cola è consigliabile perché ha una straordinaria funzione acido solforico che annichilisce i grassi polinsaturi alla velocità della luce. Ma se mangi solo farro e fagioli e bevi Coca Cola sei una creatura che ha perso il senso della misura. Perché la funzione acido solforico se e quando arriva nella tua pancia non trova grasso animale idrogenato da distruggere si mette a scioglierti le budella.

E se di fronte a un piatto di insalata scondita ti viene da piangere forse dovresti dedicarti una carbonara zen che ti rialza le dopamine ti fa sorridere e danzare l’anima. Quindi eccoti la mia prescrizione dietetica illuminata.
1. Mangiare è importante ma la passione per la vita di più. Quindi se vuoi metterti a dieta innanzitutto metti nel tuo piatto l’arte, il ridere, il gioco e la convivialità. Quelli musoni che seguono una dieta perfetta muoiono prima.
2. Non accettare caramelle e prescrizioni alimentari dagli sconosciuti, dai dietisti della domenica e dalle reincarnazioni di Adolf Hitler, da quelli che sono Dio o che sono convinti di aver fatto sesso con lui in una stazione di servizio sulla Salerno-Reggio Calabria.
3. Ascolta i tuoi desideri, annusa i cibi prima di metterli in bocca, mastica a lungo, assapora. Se una cosa puzza o ha un cattivo sapore non mangiarla neanche se te l’ha consigliata la moglie di un veterinario che ha avuto un’esperienza post mortem.
4. Muoviti! Con il corpo e con la mente. Possibilmente a tempo di musica. Incontra esseri umani che non conosci e coltiva il gusto per l’esplorazione della tua vita. L’universo è movimento incessante e odia chi sta fermo. E se stai fermo la sfiga ti trova più facilmente. E quando hai un sogno cerca di realizzarlo perché fa bene al fegato. Riuscire è meglio che fallire. E se fai molto sesso è meglio.

 

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Petaloso o ‘petalous’? Grazie Matteo ma in inglese la parola esisteva già

next
Articolo Successivo

Migranti: nave Utopia, 125 anni eravamo noi a morire in mare aperto

next