La novità era stata annunciata qualche mese fa, ma soltanto da oggi è disponibile per tutti gli utenti di Facebook: il pulsante “Mi piace” sarà affiancato da una serie di emoticon per permettere agli utenti di esprimere diverse emozioni sui post condivisi dagli utenti e dalle pagine. Le emoji si chiamano Reactions, e nel giro di pochi giorni saranno disponibili per gli utenti desktop, Android e iOS.

Passando il mouse sul pulsante “Mi piace”, o premendolo nel caso in cui navighiate da smartphone, compariranno quindi una serie di emoticon da cliccare: il classico tasto “mi piace”, un cuore, una faccina incredula, una triste e una rossa di rabbia. Se da un lato le emoticon rappresentano una delle novità più rivoluzionarie della storia di Facebook, dall’altro sono stati delusi tutti gli utenti che aspettavano il famoso tasto “Non mi piace”. Le emoticon potranno risultare particolarmente utili per i brand che saranno capaci di adattare i contenuti delle proprie pagine ai sentimenti degli utenti e dunque di perfezionare le strategie pubblicitarie.

Le Reactions arrivano dopo circa un anno di ricerca e lavoro, supportato anche dal parere di alcuni sociologi, e negli ultimi mesi sono state testate in Spagna, Irlanda, Cile, Filippine, Portogallo e Colombia. “Ogni giorno, le persone vanno su Facebook per scoprire cosa accade nel mondo, per condividere qualsiasi cosa: aggiornamenti felici, tristi, divertenti e stimolanti”, ha spiegato Sammi Krug, product manager di Facebook. “La News Feed è il luogo principale dal quale potete avere aggiornamenti sugli amici, sulla famiglia, su tutto ciò che vi interessa, ed è il modo principale per parlare con le persone a cui volete bene. Noi abbiamo ascoltato gli utenti e abbiamo capito che dovrebbero esserci più possibilità per esprimere i vostri che sentimenti sui contenuti che vedete nella News Feed in maniera facile e veloce”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Street Fighter V, la saga di Capcom si proietta nel futuro dei picchiaduro

next
Articolo Successivo

Strage di San Bernardino, Cook all’Fbi: “Sbloccare iPhone? Equivalente a inserire un cancro”

next