La novità era stata annunciata qualche mese fa, ma soltanto da oggi è disponibile per tutti gli utenti di Facebook: il pulsante “Mi piace” sarà affiancato da una serie di emoticon per permettere agli utenti di esprimere diverse emozioni sui post condivisi dagli utenti e dalle pagine. Le emoji si chiamano Reactions, e nel giro di pochi giorni saranno disponibili per gli utenti desktop, Android e iOS.

Passando il mouse sul pulsante “Mi piace”, o premendolo nel caso in cui navighiate da smartphone, compariranno quindi una serie di emoticon da cliccare: il classico tasto “mi piace”, un cuore, una faccina incredula, una triste e una rossa di rabbia. Se da un lato le emoticon rappresentano una delle novità più rivoluzionarie della storia di Facebook, dall’altro sono stati delusi tutti gli utenti che aspettavano il famoso tasto “Non mi piace”. Le emoticon potranno risultare particolarmente utili per i brand che saranno capaci di adattare i contenuti delle proprie pagine ai sentimenti degli utenti e dunque di perfezionare le strategie pubblicitarie.

Le Reactions arrivano dopo circa un anno di ricerca e lavoro, supportato anche dal parere di alcuni sociologi, e negli ultimi mesi sono state testate in Spagna, Irlanda, Cile, Filippine, Portogallo e Colombia. “Ogni giorno, le persone vanno su Facebook per scoprire cosa accade nel mondo, per condividere qualsiasi cosa: aggiornamenti felici, tristi, divertenti e stimolanti”, ha spiegato Sammi Krug, product manager di Facebook. “La News Feed è il luogo principale dal quale potete avere aggiornamenti sugli amici, sulla famiglia, su tutto ciò che vi interessa, ed è il modo principale per parlare con le persone a cui volete bene. Noi abbiamo ascoltato gli utenti e abbiamo capito che dovrebbero esserci più possibilità per esprimere i vostri che sentimenti sui contenuti che vedete nella News Feed in maniera facile e veloce”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Street Fighter V, la saga di Capcom si proietta nel futuro dei picchiaduro

prev
Articolo Successivo

Strage di San Bernardino, Cook all’Fbi: “Sbloccare iPhone? Equivalente a inserire un cancro”

next