La televisione, quando fa la televisione, e cioè quando ti fa vedere qualcosa che accade lì per lì (lo scorrere tecnico del palinsesto, una chiacchierata cooperativa o agonistica, un festival, una partita, eccetera) o, tutt’al più in vivo differito o imitato (come nei docu-reality) mette in campo una quantità di ingredienti fissi. Quel che conta è la “variazione” che dona la personalità alla singola trasmissione e la distingue, quando ci riesce, dalle altre del medesimo tipo.

Immaginate ora di esservi messi in testa di rendere interessante il genere più esangue del momento: il talk show politico-sociale. Cerchereste personaggi inusitati da mettere in campo? No, perché tutti, a forza di avere il loro quarto d’ora di celebrità, hanno l’aspetto e il fascino dei limoni spremuti dimenticati nel frigo. Toglierete il conduttore, tanto per farlo strano? No, perché le conversazioni vanno avanti da sé soltanto a tavola, ma i vostri spettatori sono a casa e non attorno allo stesso desco. Visto che non si può agire “levando”, a Italia 1 con “Maggioranza Assoluta” hanno deciso per il “mettendo”, radunando avanzi e pezzi da ogni genere di programma, alla ricerca di un sapore originale.

Ecco allora gli ospiti e il dibattito, ma nello stile costrittivo delle primarie, con gli scrannetti frontali in fila e costretti a guardarci anziché a guardarsi; aggiungi l’elimination game tipo Grande Fratello per silurare ora l’uno ora un altro; metti anche l’Esperto da talent che prima ti osserva, poi ti fa le domandine rivelatorie e infine ti consegna la TAC mentale; aggiungi il collegato esterno –in realtà probabilmente nascosto in uno studiolo contiguo, buono per cambiare discorso o girare il dito nella piaga; e cospargi il tutto con la solfa dei social a sfruttare o inventare le digitazioni del popolo sovrano. Il tentativo di mischiare le carte c’è e si vede, ma al momento quel che ha funzionato meglio è l’ordine del dibattito, che costretto nel modello “primarie” ha limitato la caciara e guadagnato in concisione.

Per ora tutti gli altri addendi e prestiti da altri generi di programma hanno fatto più che altro confusione, ma… intanto il pubblico notturno, col 5% di share complessivo ha mostrato di gradire specie perché il guazzabuglio di elementi formali proprio della tv “giovane” (sport, factual, votazioni, social, eccetera) ha trattenuto i ventenni (con uno share doppio rispetto alla media) e non è dispiaciuto alla fascia fra i trenta e i cinquanta. Mentre ha respinto, come era scontato, gli over 65. Alla fin dei conti, un risultato “mosso” che potrebbe indurre a insistere, perfezionare e, magari, avanzare in prima serata. Comunque un sussulto di vita dalla terra desolata dei talk show.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Chi l’ha visto?” batte “Porta a Porta”. E Fazio reinventa “Rischiatutto”. Il programma verrà trasmesso su Rai 1

next
Articolo Successivo

La7 e Mediaset contro il canone Rai. Serve? Sì. Ma perché mescolarlo alla pubblicità?

next