Anche Fiat Chrysler Automobiles finisce nel mirino della organizzazione ambientalista tedesca DUH. Secondo il gruppo di pressione, che ha già lanciato accuse analoghe contro Opel, Renault e Daimler, la 500X diesel emetterebbe livelli eccessivi di gas inquinanti. “Il superamento del limite delle emissioni di NOx che sono stati nel frattempo rilevati per Opel Zafira, Renault Espace, Mercedes Classe C e ora per il Suv Fiat, non sono plausibili e lasciano pensare a dispositivi di manipolazione” simili a quelli che anno portato allo scandalo di Volkswagen, ha detto l’attivista di DUH, Axel Friedrich. Fca non ha voluto commentare. Secondo l’organizzazione la Fiat 500X ha rilasciato emissioni eccessive in tutte le prove effettuate a motore caldo, mentre il limite di legge di 80 milligrammi è stata superato durante due prove a motore freddo. DUH ha commissionato i test all’Università di Scienze Applicate di Berna, in Svizzera.

Lo scorso 2 febbraio Fca aveva diffuso una nota per sottolineare che i veicoli diesel del gruppo “non sono dotati di dispositivi” in grado di alterare i dati sulle emissioni inquinanti, in particolare “che rilevino che il veicolo viene sottoposto ad un test al banco in laboratorio o che rendano operativi i controlli delle emissioni solamente durante i test in laboratorio”. Il gruppo aveva precisato inoltre che “sebbene i livelli di emissioni varino in funzione delle condizioni di guida, i sistemi di controllo delle emissioni dei veicoli Fca funzionano nello stesso modo a parità di condizioni, sia che il veicolo si trovi in laboratorio o su strada”. Fca aveva anche evidenziato la propria conformità alle norme europee. “I veicoli diesel Fca, se testati in base all’unico ciclo di prova prescritto dalle norme Europee (Nedc) fanno registrare risultati entro i limiti di legge e rispettano le relative prescrizioni”, si spiegava nel comunicato della scorsa settimana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Evasione, Equitalia: “Su 1.058 miliardi di crediti solo il 5% può essere riscosso. Ganasce fiscali sospese a chi paga a rate”

next
Articolo Successivo

Banche, emesse obbligazioni subordinate per 67 miliardi. I risparmiatori ne hanno in portafoglio per 59 miliardi

next