Sessantacinque anni di età eppure ancora immaturo e che quindi può permettersi di palpeggiare le colleghe in ufficio senza che questo sia considerato molestia sessuale. Lo ha deciso il tribunale di Palermo che ha giudicato il comportamento di Domenico Lipari, ex direttore dell’Agenzia delle Entrate del capoluogo siciliano, come “un immaturo e inopportuno atteggiamento di scherzo“. Anche se allo “scherzo” sono seguite le denunce delle dirette interessate che hanno raccontato una di aver ricevuto una pacca sul sedere e l’altra che l’uomo in una prima occasione le poggiò il dito sul bottoncino della camicetta e una seconda volta le sfiorò le parti intime.

Tutto vero, come confermato dallo stesso Lipari, eppure per il giudice donna,  il reato non c’è. Al contrario, il Tribunale ha sottolineato nelle motivazioni della sentenza che l’atteggiamento dell’ex direttore “era oggettivamente dettato da un immaturo e inopportuno atteggiamento di scherzo, frammisto ad una larvata forma di prevaricazione e ad una, sia pur scorretta, modalità di impostazione dei rapporti gerarchici all’interno dell’ufficio”, ma non ha danneggiato le vittime né la loro sessualità. “Non si deve cioè fare riferimento – si legge – alle parti anatomiche aggredite e al grado di intensità fisica del contatto instaurato ma si deve tenere conto dell’intero contesto. Nel comportamento del Lipari – quindi – non era ravvisabile alcun fine di concupiscenza o di soddisfacimento dell’impulso sessuale”. Le donne hanno spiegato in aula di non aver mai vissuto il comportamento dell’uomo come un scherzo innocente e la Procura adesso sta valutando di chiedere il ricorso in appello.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Etruria, chiesto il processo per ex vertici per ostacolo alla vigilanza. L’ipotesi: “Prima del Salva banche conti svuotati”

prev
Articolo Successivo

Galan e moglie “saccheggiarono” la villa sequestrata: wc, caminetti, termosifoni. Lei si prende la colpa: “Decisi io”

next