I lavoratori di Fiat Chrysler riceveranno in media nella busta paga di febbraio 2016 un bonus di 990 euro come premio di efficienza di stabilimento, previsto dal contratto firmato il 7 luglio 2015. Per i dipendenti di Cnh Industrial la cifra è di poco inferiore e ammonta, invece, a 825 euro. Sono circa 83mila, il 97%,del totale, i lavoratori di Fca-Cnh che potranno usufruire del bonus. Le cifre sono state comunicate nell’incontro avvenuto oggi a Roma tra l’azienda guidata da Sergio Marchionne, che aveva detto che i dipendenti avrebbero partecipato ai profitti del gruppo, e le segreterie nazionali di Fim, Uilm, Fismic, Associazione Quadri e Ugl. Assente la Fiom che non ha sottoscritto l’accordo. Questi aumenti una tantum in busta paga variano a seconda dei risultati realizzati da ogni singola unità produttiva, così come misurati dal sistema World Class Manufacturing (Wcm). A non percepire il bonus per mancato raggiungimento dei target di qualità sono, invece, circa 2.300 lavoratori (il 2,7% del totale) distribuiti in otto stabilimenti, sei che fanno capo alla Magneti Marelli e due a Cnh.

Cisl: “Condizioni lavoro migliorate”. Fiom: “Così azienda risparmia” – Marco Bentivogli, segretario generale della federazione dei metalmeccanici della Cisl, si è detto soddisfatto: “Abbiamo smontato i due falsi miti che hanno sempre spiegato che per difendere la manifattura in una economia matura come la nostra era necessario ridurre i salari e deteriorare le condizioni di lavoro. La vicenda Fca e Cnh – aggiunge Bentivogli – dimostra che le condizioni di lavoro sono migliorate e possono migliorare ancora e i salari sono incrementati”. Di tutt’altro avviso Michele de Palma, Fiom-Cgil, che sottolinea che il bonus “è solo una media che varia da stabilimento a stabilimento, non è per tutti” e “fa risparmiare l’azienda” perché non incide sugli istituti contrattuali o di legge.

I siti produttivi con i bonus più alti – Gli stabilimenti dove i dipendenti che hanno beneficiato dell’aumento maggiore in busta paga, con il 7,2%, sono il sito di Pomigliano e quello di Varrone (Biella). A seguire, con il 6%, Pratola Power Train e Cassino mentre Mirafionri Powertrain tocca il 5% seguita da Mirafiori Presse, Vm Motori, Agap Grugliasco, Maserati Modena e Mopar che registrano un +4,5%. A seguire, con il 3,75% Mirafiori carrozzeria, Sevel, Termoli Powertrain.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Yahoo per ridurre i costi chiude uffici di Milano e altre quattro sedi nel mondo. Tagliati 1.700 posti

next
Articolo Successivo

Mense, dipendenti in sciopero. In attesa del contratto da più di 32 mesi

next