Io nei prossimi giorni farò un flash mob davanti a Ikea. Prenderò uno di quei mobiletti di scarsa qualità che costano poco. Poi chiamerò il direttore della filiale e dimostrerò che è impossibile montare quel mobiletto con una coppia di brugole o una coppia di bulloni. Ma servono una brugola e un bullone”. E’ la nuova “sfida” lanciata contro Ikea dal senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, dopo il suo durissimo monito pronunciato al Family Day all’indirizzo del colosso svedese dopo l’iniziativa pro unioni civili dell’azienda con lo slogan “celebriamo con un bacio l’idea di una famiglia aperta a tutti”. Ospite di Tagadà, su La7, il vicepresidente del Senato si rende protagonista di una polemica vivace con la firma politica de Il Corriere della Sera, Maria Teresa Meli, che obietta: “Purtroppo non siamo come Ikea, che vive in un Paese civile, dove non si sentono le stupidaggini che invece si sentono qui sul ddl Cirinnà. Ormai stiamo facendo non la figura di quelli che vivono nel Medioevo, ma peggio. Fate ridere. E non parli di maternità surrogata, che non c’è in questa legge. Stia zitto e non faccia confusione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Family Day, Miriano: “Conviventi più tutelati delle famiglie. Casapound? Ha diritto a manifestare con noi”

next
Articolo Successivo

Flessibilità, Travaglio: “Scontro Renzi-Ue? Serve solo a tirare su voti”. Bianchi (Ncd): “Smettano di chiedere austerity”

next