JebBush675

Se è vero, come dice Ben Carson, guru dell’ovvio, che non occorre essere politici per dire la verità, non è altrettanto vero che basta esserlo per dirla. Sul palco dell’ultimo dibattito in diretta televisiva fra gli aspiranti alla nomination repubblicana, prima dell’inizio delle primarie con le assemblee nello Iowa lunedì 1° febbraio, Donald Trump, uno che le spara grosse, non c’era. Eppure, le balle non sono mancate e l’Ap fa le pulci alle inesattezze che i rivali dello showman hanno sfoderato, apparendo a loro agio solo quando parlavano di lui, dell’assente.

Orfani dello showman, i suoi rivali hanno perso l’occasione per brillare di luce propria, invece che di luce riflessa. Altro che Magnifici Sette: su quel palco di Des Moines, Iowa, MidWest, c’erano piuttosto sette nani. Resta da vedere se Megyn Kelly, la moderatrice del dibattito, era Biancaneve o la Regina cattiva. Anche se bisogna ammettere che era difficile ignorare “l’elefante che non è nella stanza”, come ha detto la stessa Kelly, la ‘colpevole’ della decisione del magnate dell’immobiliare di boicottare l’evento (la giornalista di Fox News è rea di avergli posto domande scomode nel primo dibattito l’agosto scorso).

Niente Trump, dunque, ma tante frottole lo stesso: il senatore del Texas Ted Cruz ha ‘dato i numeri’ sull’assistenza sanitaria; lo stesso Cruz e il senatore della Florida Marco Rubio hanno accusato il presidente Obama di avere ridotto l’apparato militare degli Stati Uniti e di non armare i curdi in Siria – affermazioni entrambe false -; Cruz ha evocato “bombardamenti a tappeto” contro il sedicente Stato islamico, confondendo gli strumenti della Seconda Guerra Mondiale con quelli moderni; Rubio e Cruz hanno confuso le carte sull’immigrazione irregolare; e il governatore del New Jersey Chris Christie ha detto che la paga degli edili è diminuita negli ultimi otto anni, mentre è aumentata almeno del 15%.

Poco male. A parte l’Ap, se ne sono accorti in pochi. Mentre il confronto andava sugli schermi e ancora tenevano banco gli strascichi della polemica tra Trump e la Fox, il magnate dell’immobiliare organizzava, sempre a Des Moines, la capitale dello Iowa, una raccolta di fondi per i veterani che avrebbe fruttato sei milioni di dollari – uno ce l’ha messo lui -. C’erano più giornalisti lì che a sentire i sette nani..

I social network decretavano che il dibattito, senza Trump, era una noia, mentre Hillary Clinton ne bollava i protagonisti come completamente impreparati – un giudizio pre-cotto, che non sarebbe certo cambiato con Trump presente.
Eppure i sette candidati sul palco hanno cercato di ricavare il massimo dall’assenza di Trump, se non altro perché avevano più tempo a disposizione per dire la loro: c’erano i senatori Cruz e Rubio e quello del Kentucky Rand Paul, l’ex governatore della Florida Jeb Bush, i governatori Christie e dell’Ohio John Kasich e, infine, l’ex neurochirurgo Carson.

Cruz, l’uomo del Tea Party e per ora il rivale più pericoloso di Trump, che aveva sfidato il magnate dell’immobiliare ad affrontarlo in un dibattito testa a testa prima del voto (“90 minuti, Donald ed io”), ha scherzosamente insultato se stesso e tutti gli altri, facendo così “la parte di Donald”: “Io sono un maniaco – esordisce – e tutti voi su questo palco siete stupidi, grassi e brutti. E tu Ben sei un pessimo chirurgo”. Bush sceglie l’ironia: “Mi manca Trump – sempre stato caustico con lui -, è il mio orsachiotto”.
Nessuno dice cose nuove, sull’economia, l’immigrazione, la sicurezza. Tutti cercano di proporsi come credibili comandanti in capo. E tutti, a un certo punto, si ricordano di attaccare Hillary. Trump? Lui legge i sondaggi. Lo danno in testa fra i repubblicani negli Stati dove si vota a febbraio, Iowa, New Hampshire e South Carolina, mancano solo i dati del Nevada.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Terrorismo, l’articolo 5 del trattato Nato che tiene tutti col fiato sospeso

next
Articolo Successivo

Arabia Saudita, spari in una moschea sciita durante la preghiera. “Tre morti”

next