“Mi alzai davanti a tutto l’istituto e dissi di essere gay”. Comincia così il racconto di Giordano Terribili, vessato per anni dagli insulti e dalle violenze dei propri coetanei. La sua colpa? Quella di essere omosessuale. “A scuola mi nascondevano i libri, mi dicevano ‘frocio, baciami il culo’. Sono stato ricoverato in pronto soccorso 22 volte in un anno”, racconta ad Andrea Casadio di Servizio Pubblico. “Adesso per fortuna le cose sono cambiate: faccio arti marziali, da allora ho cominciato a difendermi e son finiti loro al pronto soccorso. Ma non tutti ce la fanno a resistere a questo tipo di violenze: molti si suicidano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, in bilico la nomina di Carrai alla cybersecurity: ecco chi è il manager fiorentino

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Luttazzi a ‘Raiperunanotte’: “Ingiuriare i mascalzoni con la satira è onorare gli onesti”

next