Si è dimessa questa mattina il ministro della Giustizia francese, Christiane Taubira. A dare la notizia è l’ufficio del presidente Francois Hollande che in un comunicato annuncia anche la nomina del successore Jean-Jacques Urvoas, riconosciuto come un forte sostenitore della linea del governo. Già da qualche mese, Taubira, nata in Guyana francese, si era apertamente opposta all’imminente riforma che dovrebbe inserire leggi più aspre sulla sicurezza nella Costituzione francese. Tra questi, in particolare la revoca della cittadinanza transalpina alle persone condannate per terrorismo alla quale la ministro era contraria.

Le dimissioni arrivano nello stesso giorno in cui inizia il dibattito in commissione parlamentare sulla riforma. In questi giorni è in discussione anche un piano nazionale contro la radicalizzazione dei detenuti nelle prigioni francesi e corsi anti-jihad. Secondo la nota, le dimissioni sono state accettate dal presidente.

Taubira aveva sempre espresso riserve sulla riforma e oggi ha postato un messaggio su Twitter: “A volte resistere significa restare, a volte resistere significa andare via. Per fedeltà a sé stessi, a noi. Per l’ultima parola all’etica e al diritto”.

Nel 2012 viene nominata Ministro della Giustizia della Repubblica francese. È stata relatrice e forte sostenitrice della legge che introduce i matrimoni gay in Francia, approvata il 23 aprile 2013. Le dimissioni di Taubira vengono viste dai media transalpini come una prima mossa di un possibile rimpasto della squadra di governo di Valls , nel suo ultimo anno all’Eliseo prima delle elezioni presidenziali e legislative del 2017

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oregon, blitz dell’Fbi contro la “rivolta dei cowboy”. Arrestato leader Ammon Bundy, un morto

prev
Articolo Successivo

Turchia, inchiesta su armi in Siria: chiesto ergastolo per direttore e caporedattore quotidiano di opposizione. “Spionaggio”

next