Seduta combattuta quella della commissione sui conti di Expo che si è tenuta lunedì in comune a Milano. Da una parte l’amministratore delegato della società che, nonostante l’evidenza dei numeri, non vuole ammettere che il bilancio di Expo nel 2015 si sia chiuso in rosso. Dall’altra alcuni consiglieri comunali che, come Manfredi Palmeri (Polo dei milanesi), gli fanno notare che “la perdita è almeno pari alla diminuzione di patrimonio netto che si è avuta nello scorso anno, pari a 32,6 milioni”. Se si aggiungono le perdite accumulate negli anni precedenti, fa notare Roberto Biscardini (Psi), si arriva a oltre 100 milioni di euro. Perdite che, secondo quanto lo stesso Sala ha sottoscritto nella relazione sul bilancio del 2014, dovevano essere compensate dal “significativo utile” del 2015. Ma l’utile non c’è stato. Tuttavia Sala, che è anche candidato alle primarie milanesi del centrosinistra, continua a ripetere come un mantra: “Il patrimonio netto del 2015 è positivo per 14,2 milioni. È questo l’unico dato che conta”. Ma il presidente del consiglio comunale Basilio Rizzo (Fds) gli fa notare che su una relazione su Expo della Corte dei conti si legge che il patrimonio netto previsto alla fine dell’evento era di 135 milioni: “Una certa differenza con i 14,2 per cui si festeggia oggi”

twitter @gigi_gno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie Milano, Balzani: “Sala e vicenda architetto? Chi ha ruolo pubblico non deve mai trovarsi in imbarazzo”

prev
Articolo Successivo

Banca Etruria, Denis Verdini vota no alla sfiducia al governo Renzi. Speranza: “Ora serve un chiarimento politico vero”

next