L’aumento delle tasse sui biglietti aerei comporterà la perdita di 2.300 posti di lavoro nel solo 2016. A lanciare l’allarme è la International Air Transport Association (Iata), che condanna il nuovo balzello in vigore dall’1 gennaio, quando l’addizionale comunale è aumentata da 6,5 a 9 euro. “Con effetto immediato, senza alcun preavviso o consultazione“, nota la Iata, le autorità italiane hanno annunciato un aumento del 33-38% delle tasse, pari a un supplemento di 2,50 euro. I passeggeri pagheranno 10 euro in tasse ogni volta che voleranno dagli aeroporti vicino a Roma e 9 euro per i voli dagli altri aeroporti italiani. Ne deriverà, secondo l’associazione, un danno alla competitività economica italiana che distruggerà, appunto, 2.300 posti di lavoro.

Peraltro i proventi derivanti dalla tassa non vengono reinvestiti nel settore, ma destinati a scopi generali. “Questo improvviso salto nel costo dei voli per l’Italia non può che danneggiare il popolo italiano e la sua economia. L’incremento ridurrà il numero dei passeggeri di oltre 755.000 unità e il Pil di 146 milioni di euro all’anno”, ha dichiarato Rafael Schvartzman, vicepresidente regionale Iata per l’Europa. Entro la fine del decennio “oltre 9mila posti di lavoro saranno stati inutilmente sprecati”, prosegue Schvartzman. “Piuttosto che aumentare questa imposta inefficiente e inefficace, il Governo italiano deve urgentemente adottare politiche per favorire lo sviluppo di collegamenti di trasporto aereo, che hanno dimostrato di migliorare l’occupazione, l’innovazione e le attività culturali. Il Governo dovrebbe iniziare con una revisione su larga scala della base economica della tassa, in vista della sua completa rimozione. Compagnie aeree e passeggeri non dovrebbero diventare una fonte facile di reddito per qualsiasi Governo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crollo banche, Padoan punta il dito contro la Bce, ma dimentica il ruolo della Consob

prev
Articolo Successivo

Esportazioni, Istat: “A dicembre avanzo commerciale extra Ue a 5,9 miliardi. Il più alto da 22 anni”

next