Le primarie del Pd per la scelta del candidato sindaco di Milano sono entrate nel vivo. Si voterà il 6 e 7 febbraio, in lista quattro candidati: Francesca Balzani, Pierfrancesco Majorino, Giuseppe Sala e Antonio Iannetta. L’ex commissario di Expo è considerato il candidato più idoneo ad attrarre il consenso dei cittadini esterni al partito. Ma è davvero lui il favorito alle primarie, competizione che abitualmente attrae gli elettori più motivati? Sembrerebbe di sì, almeno a sentire le voci raccolte per strada a Milano dopo le prime due settimane di campagna elettorale. “Ha dato un’ottima prova di sé con l’Expo, può fare bene anche il sindaco“, questa è una delle risposte ricorrenti. C’è tuttavia chi preferisce una candidatura politica nel segno della continuità. Candidati come Majorino e Balzani che “hanno già fatto esperienza di amministratori pubblici nella giunta Pisapia“. E chi, invece, sostiene che sarà proprio la divisione dell’elettorato di partito tra i due attuali assessori a favorire Sala: “Sarebbe bene che uno dei due facesse un passo indietro“. E voi come la pensate? E’ Beppe Sala l’uomo da battere alle primarie di Milano? di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

2015, un anno sul marciapiede. Opinioni (e suggestioni) nei vox di Piero Ricca per il Fatto

next
Articolo Successivo

Unioni civili, matrimoni e adozioni. Quali diritti per le coppie gay? Vox e sondaggio di Ricca

next