Lo Stato incassa milioni di euro dell’addizionale comunale sui diritti di imbarco dei passeggeri. Ma non gira tutti i soldi che spettano – per legge – ai Comuni in cui ha sede un aeroporto. Tanto che ora si è arrivati ad accumulare un debito di oltre 55 milioni di euro. La storia va avanti da dodici anni, senza che sia stata mai trovata una soluzione. E così l’Associazione nazionale comuni aeroportuali italiani (Ancai) ha inviato una diffida alla presidenza del Consiglio, al ministero dell’Economia e al ministero dell’Interno per ottenere risposte esaustive. E, soprattutto, per incassare da Matteo Renzi finalmente le somme dovute. Ma non solo. Anche la modalità di erogazione dei diritti d’imbarco è contestata dall’Ancai: i Comuni hanno ricevuto la comunicazione dell’importo – inferiore al dovuto – negli ultimi giorni dell’anno solare. Nel 2015, infatti, sono stati informati ufficiosamente solo il 30 dicembre, mentre l’ufficialità è arrivata il 7 gennaio. Questa incertezza ha provocato un pesante effetto sulla gestione dei bilanci comunali.

CIFRE IN PICCHIATA Ma come si è giunti a questo punto? Nel 2004 è stata istituita l’addizionale comunale sui diritti di imbarco di un euro. Ogni passeggero paga così sul proprio biglietto aereo questa somma aggiuntiva, che serve prima di tutto a raggiungere la quota di 30 milioni di euro da destinare all’Ente Nazionale Assistenza al Volo (Enav). Superata tale cifra, l’eccedenza dovrebbe essere così ripartita: il 60% al Viminale per le spese di sicurezza nelle strutture aeroportuali e il 40% ai Comuni in cui ha sede uno scalo. Ma qui sorge l’intoppo: i soldi versati effettivamente sono stati sempre di meno rispetto alle stime. Già nel 2005 «sono stati erogati ai Comuni, a titolo di addizionale di imbarco, importi sensibilmente inferiori rispetto a quelli che sarebbero stati di effettiva spettanza degli stessi», si legge nella diffida dell’Ancai indirizzata a Palazzo Chigi.

FUORI I SOLDI – L’Ancai ha calcolato il debito dello Stato per ogni Comune dal 2005 al 2014, relativi alle 18 amministrazioni che hanno avviato l’azione legale: Fiumicino vanta un credito di 24milioni e 500mila euro. Il Comune di Ferno, invece, deve avere dallo Stato 5 milioni e 102mila euro: a seguire ci sono i Comuni di Orio al Serio (3 milioni e 637mila euro), di Cinisi (3 milioni 146 mila euro), di Somma Lombardo (3 milioni e 039mila euro), di Elmas (2 milioni e 290mila euro) e di Pisa (2 milioni e 875mila euro). E così via per un totale di 55 milioni e 539mila euro. Il deputato del Partito democratico, Antonio Misiani, si sta occupando del caso e ha presentato un’interrogazione parlamentare. L’esponente del Pd, interpellato da ilfattoquotidiano.it, spiega: “Bisogna rimettere ordine nei meccanismi di funzionamento dell’addizionale, restituendo gli arretrati dovuti e definendo tempistiche certe nell’erogazione delle spettanze”. Insomma – conclude Misiani – “è un atto dovuto nei confronti dei comuni che ospitano gli scali aeroportuali e che sono chiamati a fronteggiare disagi ed extracosti da coprire. I problemi durano da oltre un decennio. Solleciteremo il governo affinché siano finalmente superati”.

Twitter: @SteI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nucleare, Italia a rischio infrazione: la Commissione europea aspetta ancora il programma per la gestione dei rifiuti

next
Articolo Successivo

Presidenza del Consiglio: finisce al Tar la nomina contestata al dipartimento per le Politiche europee

next