La società francese Atmb che gestisce l’autostrada e il traforo del Monte Bianco, ha licenziato un dipendente ritenuto “in via di radicalizzazione“. Secondo il sito Le Dauphiné Liberé, a seguito di alcune perquisizioni condotte nel quadro dello stato di emergenza causato dalle stragi di Parigi del 13 novembre, sarebbe emerso un rischio d’influenza dell’impiegato o connessioni con militanti jihadisti.

Le autorità hanno subito dato l’allarme e l’impresa ha deciso di allontanare il dipendente, tenuto conto del “carattere estremamente sensibile del traforo e dei dati a cui aveva accesso”. Il tunnel autostradale infatti collega la località sciistica di Courmayeur, in Valle d’Aosta, a Chamonix, nel dipartimento francese dell’Alta Savoia. A seguito dell’allontanamento non sono state prese misure restrittive nei confronti del lavoratore.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arabia Saudita, Onu condanna assalto all’ambasciata di Riad a Teheran. Rohani: “Stop ai rapporti non copre il crimine”

next
Articolo Successivo

Colonia: a Capodanno donne aggredite da mille uomini ubriachi “di origini arabe o nordafricane”

next