La società francese Atmb che gestisce l’autostrada e il traforo del Monte Bianco, ha licenziato un dipendente ritenuto “in via di radicalizzazione“. Secondo il sito Le Dauphiné Liberé, a seguito di alcune perquisizioni condotte nel quadro dello stato di emergenza causato dalle stragi di Parigi del 13 novembre, sarebbe emerso un rischio d’influenza dell’impiegato o connessioni con militanti jihadisti.

Le autorità hanno subito dato l’allarme e l’impresa ha deciso di allontanare il dipendente, tenuto conto del “carattere estremamente sensibile del traforo e dei dati a cui aveva accesso”. Il tunnel autostradale infatti collega la località sciistica di Courmayeur, in Valle d’Aosta, a Chamonix, nel dipartimento francese dell’Alta Savoia. A seguito dell’allontanamento non sono state prese misure restrittive nei confronti del lavoratore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Arabia Saudita, Onu condanna assalto all’ambasciata di Riad a Teheran. Rohani: “Stop ai rapporti non copre il crimine”

prev
Articolo Successivo

Colonia: a Capodanno donne aggredite da mille uomini ubriachi “di origini arabe o nordafricane”

next