Difficile riassumere un anno intero in una sola parola. I report sulle parole più cliccate su motori di ricerca e social network aiutano tuttavia a comprendere i temi e le notizie sui quali si è concentrata la curiosità degli utenti della Rete. Sulla base dei risultati di queste analisi siamo andati in strada a domandare ai passanti: qual è la parola chiave del tuo 2015? Sono emerse le risposte più varie, da “selfie” a “Grexit“, da “Siria” a “immigrazione“, da “Expo” a “community“, fino a “guerra“. C’è chi confessa il terrore del futuro e risponde: “disagio“. Chi preferisce guardare al privato e pronuncia il nome dell’amata e chi sottolinea le promesse non realizzate dal governo e risponde: “ripresa mancata“. E per voi qual è la parola chiave del 2015? dite la vostra nei commenti  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Consulta, questa sconosciuta. Cosa sanno gli italiani della Corte costituzionale? Il vox

next
Articolo Successivo

2015, un anno sul marciapiede. Opinioni (e suggestioni) nei vox di Piero Ricca per il Fatto

next