E’ Guus Hiddink il nuovo allenatore del Chelsea dopo l’esonero di Josè Mourinho. Il tecnico olandese ha già guidato il club londinese nel 2009. “Sono entusiasta di tornare a Stamford Bridge”, ha commentato il 69enne tecnico al sito ufficiale dei Blues. Intanto lo Special One fa sapere, tramite il suo staff,  che non prenderà un anno sabbatico ed è pronto a cominciare un’altra avventura in panchina.

“Non prenderà un anno sabbatico, non è stanco, non ne ha bisogno. E’ molto ottimista e come sempre guarda avanti”, si legge in un comunicato diffuso dalla stampa inglese. “Jose Mourinho è comunque felice di essere tornato al Chelsea perché è riuscito a portare la squadra alla vittoria di un’altra Premier, titolo che mancava da anni”, prosegue la nota che arriva dopo la rescissione consensuale del contratto di Mou che ha lasciato i Blues dopo una stagione deficitaria con un bilancio di 9 sconfitte in 16 giornate. Fatale quella contro il Leicester di Claudio Ranieri.

“Josè – chiarisce l’agenzia – resterà a vivere a Londra e spera che a lui e alla sua famiglia verrà data l’opportunità di mantenere il suo privato. Non parlerà della sua situazione attuale per il prossimo futuro e chiede ai media di rispettare questa decisione”. Secondo i dirigenti dei Blues, il divorzio con Mourinho si è consumato “di comune accordo“, ma il comunicato accenna all’esonero del portoghese: “Nel corso della sua carriera, Josè a volte ha scelto di lasciare un club, solo al Chelsea è successo che fosse il club a decidere che doveva lasciare. Ogni volta rappresenta per lui la fine di un ciclo e l’opportunità di iniziare uno nuovo. Josè si augura che il suo futuro dopo il Chelsea sia un successo come quando ha lasciato il club nel 2007”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Serie A, probabili formazioni 17° giornata: Garcia si gioca la panchina contro il Genoa. L’Inter sfida la Lazio

prev
Articolo Successivo

Mondiale per club, Barcellona-River Plate: 3 a 0. Doppietta Suarez e show di Messi

next