Martin Shkreli arrestato. Il giovane manager alla guida di Turing Pharmaceutical, salito alle cronache per l’aumento del 5000% del farmaco salva vita Daraprim, è accusato di frode. Ma non per il caro farmaci che gli è costato una pioggia di critiche, anche dai candidati democratici alla Casa Bianca Hillary Clinton e Bernie Sanders: l’accusa riguarda i suoi trascorsi come manager di hedge fund. Shkreli respinge le accuse, dichiarandosi non colpevole. Il giudice gli consente la libertà con una cauzione da cinque milioni di dollari e la consegna del passaporto.

Il 32enne è stato arrestato all’alba a New York, dove l’Fbi lo ha prelevato dalla sua abitazione. In manette anche il suo legale, Evan L. Greebel. L’accusa è quella di frode: Shkreli avrebbe ingannato gli investitori nell’hedge fund MSMB che aveva fondato, ora chiuso. Lo gestiva con uno schema Ponzi, la truffa piramidale il cui nome è legato a Carlo Ponzi, l’immigrato italiano autore di una delle maggiori truffe della storia.

Shkreli è finito nel mirino anche per il suo ruolo nella società biotecnologica Retrophin, che usava come ”salvadanaio” secondo l’accusa. Retrophin, infatti, era lo strumento con cui pagava gli investitori in MSMB, attirati dagli alti profitti promessi.

L’arresto è solo l’ultimo di una serie di episodi controversi che riguardano Shkreli. Nei mesi scorsi l’aumento del prezzo del farmaco salvavita a 750 dollari da 13,50 dollari aveva sollevato critiche. Hillary Clinton l’ha definito “vergognoso”, assicurando che da presidente mettere in atto un sistema di controllo dei prezzi dei farmaci. Alle critiche Shkreli aveva risposto con calma. L’aumento – ha detto – serve per finanziare la ricerca in altri farmaci.

La serie di interviste a cui si era sottoposto per difendersi, si era chiusa con una battuta: nel riguardarsi all’azione aveva concluso di aver bisogno di un taglio di capelli. Entrato nell’industria finanziaria a 17 anni, Shkreli è stato cacciato da Retrophion, società che aveva fondato, dopo diverse gaffe e sulla scia dei timori che fosse immaturo per guidare una società quotata. Il giorno prima della pubblicazione dei risultati trimestrali di Retrophin, aveva twittato: “Questo è il giorno migliore della mia vita”, con riferimento a quelli che si sono rivelati ricavi più alti delle attese. Il giorno in cui è stato cacciato su Twitter aveva scritto: “Abbastanza stufo del consiglio di amministrazione concentrato su un’indiscrezione irrilevante, ma posso concentrami su una nuova societa”. Shkreli ha fondato Turing.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Onu, via libera a risoluzione contro finanziamenti a Isis: “Sanzioni a chi fa affari con i terroristi”

next
Articolo Successivo

Burundi: chi fermerà la nuova carneficina?

next