Nuove immagini esclusive di Servizio Pubblico degli investigatori sotto copertura per Lav e Animal Equality, che ci mostrano la realtà di allevamenti ultra-intensivi di conigli da carne: animali con funghi alla pelle e infezioni alle orecchie non curati, in gabbie fianco a fianco con quelli morti, lanciati in aria per entrare nelle gabbiette di trasporto che li porteranno al macello. L’Italia è il primo produttore europeo di carne di coniglio e il consumo di carne pro capite è alto: 2,6 kg, contro una media europea di 1,5. Eppure non esiste una legislazione specifica per gli allevamenti di coniglio e le condizioni in cui sono costretti a vivere questi animali sono precarie: quasi uno su tre muore prima di raggiungere le dodici settimane, l’età in cui vengono macellati. Qui la campagna delle due associazioni: www.coraggioconiglio.it (qui la prima puntata dell’inchiesta sugli allevamenti intensivi dei conigli)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Family e la Lega Nord, ecco cosa aveva detto Riccardo Bossi nel 2012

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Della Valle vs Renzi: “Non basta un tweet dall’aereo di Stato, non è più credibile”

next