Nuove immagini esclusive di Servizio Pubblico degli investigatori sotto copertura per Lav e Animal Equality, che ci mostrano la realtà di allevamenti ultra-intensivi di conigli da carne: animali con funghi alla pelle e infezioni alle orecchie non curati, in gabbie fianco a fianco con quelli morti, lanciati in aria per entrare nelle gabbiette di trasporto che li porteranno al macello. L’Italia è il primo produttore europeo di carne di coniglio e il consumo di carne pro capite è alto: 2,6 kg, contro una media europea di 1,5. Eppure non esiste una legislazione specifica per gli allevamenti di coniglio e le condizioni in cui sono costretti a vivere questi animali sono precarie: quasi uno su tre muore prima di raggiungere le dodici settimane, l’età in cui vengono macellati. Qui la campagna delle due associazioni: www.coraggioconiglio.it (qui la prima puntata dell’inchiesta sugli allevamenti intensivi dei conigli)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

The Family e la Lega Nord, ecco cosa aveva detto Riccardo Bossi nel 2012

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Della Valle vs Renzi: “Non basta un tweet dall’aereo di Stato, non è più credibile”

next