Nuove immagini esclusive di Servizio Pubblico degli investigatori sotto copertura per Lav e Animal Equality, che ci mostrano la realtà di allevamenti ultra-intensivi di conigli da carne: animali con funghi alla pelle e infezioni alle orecchie non curati, in gabbie fianco a fianco con quelli morti, lanciati in aria per entrare nelle gabbiette di trasporto che li porteranno al macello. L’Italia è il primo produttore europeo di carne di coniglio e il consumo di carne pro capite è alto: 2,6 kg, contro una media europea di 1,5. Eppure non esiste una legislazione specifica per gli allevamenti di coniglio e le condizioni in cui sono costretti a vivere questi animali sono precarie: quasi uno su tre muore prima di raggiungere le dodici settimane, l’età in cui vengono macellati. Qui la campagna delle due associazioni: www.coraggioconiglio.it (qui la prima puntata dell’inchiesta sugli allevamenti intensivi dei conigli)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

The Family e la Lega Nord, ecco cosa aveva detto Riccardo Bossi nel 2012

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Della Valle vs Renzi: “Non basta un tweet dall’aereo di Stato, non è più credibile”

next