Associazione per delinquere finalizzata all’emissione di fatture false per operazioni inesistenti: con questa accusa il gip di Roma Luigi Balestrieri, su richiesta del pm Paolo Ielo, ha firmato l’ordine di custodia cautelare per il manager David Biancifiori, titolare di imprese che operano nel settore dello spettacolo, per un suo collaboratore e per un militare della Guardia di finanza.

L’indagine, esplosa nel giugno scorso, coinvolge una quarantina di persone, tra le quali anche funzionari della Rai, del gruppo Mediaset, de La 7 e di Infront. Secondo l’accusa, Biancifiori avrebbe ottenuto lavori e servizi in cambio di somme di denaro o “altre utilità”. Tra queste, vacanze, biglietti aerei e assunzioni. Nel corso dell’indagine era stata trovata una cartella con file Excel con i nomi dei presunti corrotti e relative mazzette.

Nell’ordinanza di custodia cautelare in carcare il gip scrive che l’associazione a delinquere era finalizzata ad “una pluralità di delitti tributari” tra cui “l’emissione di fatture relative a operazioni inesistenti”, la “dichiarazione fraudolenta” e la corruzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapani, inchiesta su coop dell’accoglienza migranti tra politica e mafia

prev
Articolo Successivo

Editoria, Ciarrapico condannato a 5 anni: bancarotta fraudolenta per il crac “Eco”

next