In ventinove votazioni il Parlamento non è ancora riuscito a eleggere i tre giudici che mancano al plenum della Corte costituzionale. L’ingloriosa vicenda fa riflettere sul ruolo cruciale della più alta istituzione di controllo, tanto più in un’epoca di leggi scritte male, di origine governativa, approvate con il voto di fiducia. Ma i cittadini sono al corrente della vicenda e hanno consapevolezza del ruolo di quell’istituzione? Ad ascoltare le risposte delle persone che abbiamo intervistate in strada, nel centro di Roma, alla vigilia della ripresa delle votazioni, si direbbe in gran parte di no. Il video è una sintesi fedele di quel che abbiamo registrato. Su decine di persone, pochissimi sono informati della questione e ancor meno conoscono funzioni e criteri di nomina della Consulta  di Piero Ricca, riprese e montaggio Mauro Episcopo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giubileo, riuscirà Francesco nell’opera di bonifica morale della Chiesa? Vox e sondaggio

next
Articolo Successivo

2015, qual è la parola chiave più cliccata dell’anno? Guarda il vox dì la tua… parola

next