La Regione Liguria ha deciso di tagliare i fondi a ‘Stranità’, il laboratorio di teatro sociale che il Teatro dell’Ortica di Genova conduce ormai da 14 anni coinvolgendo pazienti psichiatrici in collaborazione con la Salute Mentale della ASL e detenute. Sono gli stessi pazienti a raccontare a ilfattoquotidiano.it cosa significherebbe per loro la chiusura del gruppo teatrale: “Per molti di noi questa è l’unica famiglia, senza non sapremmo dove andare a parare. C’è chi vive tutta la settimana in attesa di venire qui, il laboratorio è un luogo di espressione, speranza e cura”. Il gruppo teatrale è seguito da attori e operatori socio-sanitari. “Il Teatro Sociale è uno strumento di lotta all’emarginazione sociale e di promozione culturale per i cittadini”. Sottolinea al la responsabile Anna Solaro: “Siamo un settore produttivo non riconosciuto: facciamo prevenzione, con pochissimo portiamo dei risultati che consentono un notevole risparmio di costi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Campo nomadi: i 25 nomi di una realtà innominabile

prev
Articolo Successivo

City Access Award 2016, vince Milano. Prima volta per una città italiana. “Ma non bisogna fermarsi”

next