Dopo le contestazioni per i metodi di selezione dei candidati del Movimento 5 stelle alle prossime amministrative di Bologna (scelti senza primarie), Luigi Di Maio prova a mettere fine alle polemiche e conferma la fiducia all’aspirante sindaco, Massimo Bugani. ” In ogni città – spiega il vicepresidente della Camera a margine di una manifestazione a Imola, contro l’ampliamento della discarica – abbiamo usato metodi differenti, a seconda di come si compongono i gruppi. Qui a Bologna il metodo, lo avevamo spiegato, era che che se ci fossero state più liste si sarebbero votate più liste. Non l’abbiamo comunicato attraverso il blog? Posso tirare fuori la rassegna stampa, con tutte le volte in cui l’abbiamo detto.  Se c’è qualcuno che vuole fare un’altra lista la faccia e la certifichi. Ma evitiamo polemiche inutili”. Presente all’iniziativa anche Bugani, che ha ribadito di essere l’unico candidato in corsa per le comunali. “Bologna ha già il suo candidato non si torna più indietro”. E sulla composizione della lista, formata senza il voto degli iscritti e a oggi ancora riservata, spiega: “Dobbiamo governare una città complessa, abbiamo bisogno di persone che non mollino alla prima malinconia. Quindi abbiamo bisogno di persone che conosciamo”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scanzi a Serra: “Con Renzi non sei urticante”. “Renzi non è Berlusconi, ma mi è antipatico”

prev
Articolo Successivo

Renzi, che gioca col trenino del Pil al più 0,9

next