Eni abbandona il Paese”. I sindacati non usano mezzi termini per contestare il piano di riassetto del Cane a sei zampe. I lavoratori temono il disimpegno dell’azienda dal settore della chimica e della raffinazione, che ha il suo epicentro in Italia: Eni si appresta a cedere parte delle sue quote in Versalis, la società addetta a queste attività, che occupa oltre 4mila dipendenti nel nostro Paese. Così, il 5 dicembre, a Roma si è tenuta l’assemblea nazionale dei quadri e delegati della chimica di Cgil, Cisl e Uil all’interno del gruppo Eni e della società Saipem. Presenti anche i segretari generali Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo. I lavoratori hanno indetto mobilitazioni contro le decisioni dell’azienda: il 17 dicembre ci sarà una manifestazione nazionale a San Donato Milanese mentre il 20 gennaio si terranno otto ore di sciopero in tutti gli insediamenti italiani Eni e Saipem.

“Non siamo di fronte a un normale riassetto di una grande azienda, – si legge nel comunicato diramato dalle sigle Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil – ma allo smantellamento della chimica italiana e ad una accelerazione del processo di trasformazione dell’Eni che vede le sue attività tutte concentrate fuori dall’Italia”. Così i sindacati hanno anche scritto al premier Matteo Renzi, chiedendo che il governo “faccia chiarezza” sulla situazione. I lavoratori sono in fibrillazione ormai da ottobre: due mesi fa, infatti, l’amministratore delegato Claudio Descalzi ha segnato la direzione: “Stiamo cercando una joint venture per valorizzare il business di Versalis”. Pochi giorni dopo, il manager ha confermato l’orientamento dell’azienda ai sindacati. Che hanno subito manifestato le proprie preoccupazioni.

Versalis è la società Eni attiva nel campo della chimica: in Italia ha otto siti produttivi con circa 4.400 dipendenti, mentre all’estero conta cinque impianti e circa mille lavoratori. Il cuore di queste attività, dunque, batte nel nostro Paese. Ma secondo i sindacati, “obiettivo dell’Eni è quello di concentrare le sue attività solo su esplorazione ed estrazione di gas e petrolio”, svolte all’estero, mentre la cessione di parte di Versalis “comporterà un ulteriore, radicale disimpegno dell’Eni dall’Italia, (…) insieme al rischio della scomparsa di due settori importanti per l’Eni e per l’industria di questo paese: la chimica e la raffinazione”.

Secondo indiscrezioni di stampa, Eni sta trattando per la cessione di quote fino al 70% di Versalis al fondo americano Sk Capital.In pericolo, secondo le sigle sindacali, sono gli investimenti promessi dal Cane a sei zampe. Si parla di 1,2 miliardi di euro di investimenti, previsti dal piano industriale di Versalis 2015-18, cui si aggiungono altri 400 milioni stanziati nel 2012. I principali interventi erano previsti negli stabilimenti di Porto Marghera (Venezia), Porto Torres (Sassari) e Priolo (Palermo). Oltre al piano di riconversione per l’impianto petrolchimico di Gela (Agrigento). Ma i sindacati temono un disimpegno in questo senso: “Il riassetto di Versalis e la ‘riscoperta’ della chimica tradizionale comporteranno l’abbandono della “chimica verde” e dunque degli interventi previsti a Porto Torres e Marghera, oltre a mettere sostanzialmente in discussione la credibilità dell’accordo su Gela”.

“La strategia di Eni sulla chimica è sempre stata quella di attuare un piano di ristrutturazione in grado di riportarla nel breve termine ad avere risultati positivi – fa sapere il portavoce di Eni – Siamo nella fase in cui stiamo cercando per Versalis un partner specializzato nella chimica, un compagno di viaggio che possa garantire gli investimenti, lo sviluppo della chimica in Italia e i livelli occupazionali”. Ma le rassicurazioni non bastano a tranquillizzare i lavoratori. Anche perché Versalis non è l’unica società del gruppo dove si registra un passo indietro di Eni. Nel 2012 il gruppo ha venduto alla Cassa depositi e prestiti il 30% di Snam, che si occupa di stoccaggio, trasporto e distribuzione di gas. A ottobre 2015, il gruppo ha ufficializzato la cessione del 12,5% di Saipem, la società che costruisce oleodotti, gasdotti, piattaforme petrolifere, al Fondo strategico italiano, controllato ancora dalla Cdp.

Da mesi, poi, sui media si rincorrono le voci di uno scorporo della divisione Gas&Power, che si occupa della vendita di gas ed energia elettrica, anche in questo caso attraverso le cessione una quota di minoranza. Stesso discorso: i sindacati temono che un disimpegno di Eni possa avere conseguenze negative in termini di posti di lavoro: “Abbandonare alcune attività di Saipem o la vendita del gas per usi civili e commerciali vuol dire determinare gravi problemi occupazionali, perdere contatto con il corpo vivo del Paese e non coglierne per intero il valore industriale e sociale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Tassa bici, dietro front del firmatario: “Testo scritto male. Non è mio, mi è stato girato dagli uffici legislativi”

next
Articolo Successivo

Banda ultralarga, Renzi rilancia sul ponte sullo Stretto mentre la rete pubblica in fibra resta un sogno

next