Scioperi, mezzi inadeguati, guasti: muoversi a Roma con i mezzi pubblici significa – lo dice la recente cronaca – affrontare una epopea. La situazione è rilevante, soprattutto in vista del prossimo Giubileo. In vista dell’evento, Uber, l’azienda di servizi automobilistici che ha scatenato non poche polemiche tra i tassisti, ha deciso di lanciare “LineaU”: un progetto di mobilità alternativa e partecipata che sarà in funzione dal 10 dicembre.

L’idea dell’azienda californiana è quella di coinvolgere i cittadini nella creazione della nuova linea di trasporti attraverso una piattaforma di crowdsourcing. In sostanza, funziona così: accedendo e effettuando il login al sito www.linea-u.it, gli utenti cominceranno a progettare la linea dei desideri scegliendo le fermate preferite, e connettendo dunque quartieri, piazze, e vie. Successivamente potranno condividere il proprio progetto sui social network e invitare i propri contatti a partecipare all’iniziativa. La campagna di partecipazione si concluderà il 9 dicembre, e le fermate più richieste comporranno la nuova linea.

Quella di Uber è sicuramente una trovata di marketing che tuttavia può trovare un’utilità nel frenetico e confusionario ecosistema urbano romano. Il servizio sarà attivo fino al 24 dicembre, per quelle che desumiamo essere due settimane di prova. Alla fine saranno insomma i turisti e cittadini a stabilire efficacia e sorte della nuova “LineaU”. “Siamo partiti qualche giorno fa lanciando una call to action alla città senza rivelarci, senza dire che dietro c’eravamo noi per dimostrare che un bisogno di mobilità esiste a prescindere dalla nostra app – ha spiegato Carlo Tursi, nominato di recente General Manager – oggi stiamo coinvolgendo Roma in un esperimento di mobilità partecipativa.” “Questo esperimento straordinario racconterà a tutti coloro i quali visiteranno la Capitale le potenzialità della nostra piattaforma tramite un nuovo prodotto popolare e accessibile che vuole presentarsi come alternativa complementare al trasporto pubblico romano.”, ha dichiarato in una nota l’azienda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fallout 4, il post-apocalittico secondo Bethesda

prev
Articolo Successivo

Isis e Telegram: una telefonata non allunga la vita

next