imprese_640

Nel varesotto, dove da quarant’anni vivo per elezione ambientale (non avevo né parenti né amici e neppure lavoro quando decisi di lasciare Milano), c’è sovrabbondanza di boschi, di laghi, di verde e di grandi montagne, quanto meno il bellissimo Monte Rosa sullo sfondo a nord.

Nel 1977, quando ci arrivai, era, come il milanese, il comasco e il novarese, un’area lombarda dove era difficile fare due passi senza incontrare un’aziendina. A Varese c’era (c’è tuttora) un Istituto tecnico per ragionieri e per periti aziendali (il ‘Daverio’) che raccoglieva ogni dì 3.500 studenti: uscivano al quint’anno e tutti trovavano decorosi impieghi in queste aziendine, dove frequentissima era la presenza di un ‘sciur Brambilla’ (l’archetipo del ‘faso tuto mì’ veneto). E il sistema prosperava.

Tutti gridavano al miracolo delle Pmi: cardine del nostro sistema industriale, zoccolo duro vincente della nostra economia, sistema incrollabile di successo e ricchezza nazionale: ancora oggi gli osannatori strepitano per far sentire il loro coro tripudiante.

Varese-Laveno: 23 chilometri di strada ai piedi delle bellissime Prealpi: molte aziendine chiuse: qualche edificio cadente: un intero paese, Gemonio, ex-leader quasi mondiale nella produzione di tronchesi e chiavi inglesi, che si possono produrre con lo stampaggio a caldo dell’acciaio (forgia), arte rumorosissima, oggi silente: sparito dalla carta geografica dei tronchesi e delle chiavi inglesi: riforniva l’esercito americano: nuove iniziative economiche? Sì, certo: due supermarkets, un ‘fai da te’, una serra florovivaistica: qualche bar in più: l’esplosione di una ‘economia di borgo’ (mettetevela come vi pare, ma pur sempre un’economia puramente bottegaia) che soppianta un’economia industriale che non c’è più.

A Varese-città (città tradizionalmente molto attiva – 80.000 abitanti comprensorio incluso) ci sono trentaquattro banche operanti su sessantasette sportelli: e pure uno sproposito di supermarkets, centri commerciali… Passate da Gemonio oggi: aria pulita, niente fumi, silenzio gratificante se non fosse per qualche scriteriato motorino con marmitta truccata che un tempo quasi non si sentiva: tutte quelle fabbriche sono chiuse.

E’ il trionfo tripudiante della civiltà dei ‘servizi’: la gente è anche contenta perché, oltre al miglioramento dell’habitat, qualche stipendio fluisce ancora: e si può tirare a campare. D’altro canto, sempre Pmi sono: che, lo dicono tutti, sono il nostro cardine vincente, no?

La festosa ‘civiltà dei servizi’: in forte declino la produzione di beni fisici, specialmente quelli complessi, in decollo verticale l’offerta di ‘servizi’. Oh, meraviglia…! Quella dei ‘servizi’ è stata davvero una bella trovata: ancora oggi moltissimi non si rendono conto della quantità di ‘narcosi’ che si è portata dietro: solo che…

Solo che per avere un servizio bisogna pagare, e per pagare bisogna avere soldi, e per avere soldi bisogna produrre beni da economia reale che si possano vendere: che discendono dal lavoro produttivo (fisico ma anche e molto intellettuale); e per produrre beni da economia reale bisogna avere aziende ed aziendine che funzionino, che producano beni che incontrano il mercato perché rispondono a bisogni umani, sia italiani che esteri: i tronchesi, le chiavi inglesi di Gemonio li esporti: ma se chiudi le aziendine…: come li esporti i servizi di un supermarket o della florovivaistica di Gemonio?

Se tu parli con i vecchi forgiatori gemoniesi, quelli che oggi passano il tempo giocando a scopa o bevendo un buon bicchiere, li senti imprecare contro il Brasile, contro la Cina, contro l’India, che si sono ‘fregati’ i tronchesi che facevano loro: ma bisogna guardare in ben altra direzione. E sarebbe anche ora di decidersi a farlo ‘sto ragionamento. Con la civiltà dei ‘servizi’ è intervenuta – e pesante – anche la ‘civiltà del debito’: così in Italia non è che non compriamo più tronchesi: semplicemente li acquistiamo dai cinesi, dagli indiani…

Abbiamo perso per strada un concetto fondamentale: che ci sono due tipi di ‘ricchezza’: quella che una volta spesa non ce l’hai più; e quella che una volta spesa, il giorno dopo col tuo lavoro intelligente la ricrei, così che la puoi di nuovo spendere: quest’ultima, il mattino dopo, la ricostruisci e la vendi: e aggiungi ricchezza ‘vera’ sia a te che al tuo Paese: puoi fare lo stesso con un bar?

La prima è una ‘ricchezza distributiva’; la seconda una ‘ricchezza creativa’: e la differenza è astronomica nelle conseguenze sulla vita di popoli interi.

Ma questo sembra proprio che non lo abbiamo capito: tanto ci sono quei diavoli di aziendine Pmi…

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tasse prima casa: via la Tasi, come si finanzierebbero i Comuni?

next
Articolo Successivo

Riforma appalti: gare addio, si avvera il sogno di Verdini

next