E’ rimasto coinvolto in una lite tra ragazzi degenerata in una sparatoria. E’ morto così un bambino di 9 anni, Tyshawn Lee, rimasto ucciso da diversi colpi di pistola. L’episodio è avvenuto in un vicolo di Chigago; lo riferiscono alcuni media locali che tuttavia non hanno fornito ulteriori particolari sulla vicenda. Sul caso è intervenuta Hillary Clinton, candidata alle primarie del Partito Democratico: “Mentre mi trovavo a Chicago – ha scritto su Twitter – un altro bimbo è morto, vittima della violenza delle armi. Devastante”.

La Clinton era Chicago per un incontro proprio sulla riforma della giustizia e per il controllo delle armi. All’iniziativa erano presenti i parenti di alcune vittime delle armi da fuoco: Trayvon Martin, il diciassettenne colpito e ucciso nel 2012 dall’agente George Zimmerman in Florida, Jordan Davis – anche lui diciassettenne -, rimasto ucciso in una sparatoria nel 2014 nata da una lite per la musica troppo alta. C’era anche la madre di Michael Brown, il ragazzo ucciso da un agente bianco per cui si scatenarono le proteste di Ferguson.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maratona di New York, italiano scompare dopo la corsa. Ritrovato a Manhattan

next
Articolo Successivo

Terrorismo: al Zawahiri in cerca di notorietà

next