Sesso, ma anche affettività per chi vive dietro le sbarre. E’ questa la proposta di legge del senatore dem Alessandro Zan che martedì 3 novembre inizierà il suo iter legislativo in Commissione Giustizia. L’obiettivo è creare per i detenuti delle carceri italiane momenti e spazi per la loro intimità insieme a mogli, fidanzate o semplici conoscenti. Zan assicura che c’è anche il via libera del ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

“L’impegno è rendere le carceri luoghi più umani – spiega al Messaggero Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia – il tema dell’affettività è centrale in questa direzione: investire in carceri umane vuol dire investire in sicurezza per i cittadini”. Nella proposta firmata da Zan e da altri 20 parlamentari è prevista una visita al mese da 6 a 24 ore, in locali dove è garantita la privacy di detenuti e delle loro compagne. Durante l’incontro in commissione di martedì interverranno in collegamento Skype anche dei detenuti di massima sicurezza del carcere di Padova e dei loro familiari.

Ma sono già sorti pareri contrari alla proposta del sesso in carcere: “I nostri penitenziari non devono diventare postriboli ed i nostri agenti di polizia penitenziaria non devono diventare ‘guardoni di Stato” – afferma Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria – si introduca il principio di favorire il ricorso alla concessione di permessi premio a quei detenuti che in carcere si comportano bene, che non si rendono cioè protagonisti di eventi critici e che durante la detenzione lavorano e seguano percorsi concreti di rieducazione. E allora, una volta fuori, potranno esprimere l’affettività come meglio credono”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Figc, Tavecchio: usare l’omosessulità in modo capzioso è scorretto

prev
Articolo Successivo

Adozioni, dal Congo sì a partenza di 72 bambini. Ma altri 1.500 restano bloccati in attesa di una nuova legge

next