Sesso, ma anche affettività per chi vive dietro le sbarre. E’ questa la proposta di legge del senatore dem Alessandro Zan che martedì 3 novembre inizierà il suo iter legislativo in Commissione Giustizia. L’obiettivo è creare per i detenuti delle carceri italiane momenti e spazi per la loro intimità insieme a mogli, fidanzate o semplici conoscenti. Zan assicura che c’è anche il via libera del ministro della Giustizia, Andrea Orlando.

“L’impegno è rendere le carceri luoghi più umani – spiega al Messaggero Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia – il tema dell’affettività è centrale in questa direzione: investire in carceri umane vuol dire investire in sicurezza per i cittadini”. Nella proposta firmata da Zan e da altri 20 parlamentari è prevista una visita al mese da 6 a 24 ore, in locali dove è garantita la privacy di detenuti e delle loro compagne. Durante l’incontro in commissione di martedì interverranno in collegamento Skype anche dei detenuti di massima sicurezza del carcere di Padova e dei loro familiari.

Ma sono già sorti pareri contrari alla proposta del sesso in carcere: “I nostri penitenziari non devono diventare postriboli ed i nostri agenti di polizia penitenziaria non devono diventare ‘guardoni di Stato” – afferma Donato Capece, segretario generale del Sappe, sindacato autonomo polizia penitenziaria – si introduca il principio di favorire il ricorso alla concessione di permessi premio a quei detenuti che in carcere si comportano bene, che non si rendono cioè protagonisti di eventi critici e che durante la detenzione lavorano e seguano percorsi concreti di rieducazione. E allora, una volta fuori, potranno esprimere l’affettività come meglio credono”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Figc, Tavecchio: usare l’omosessulità in modo capzioso è scorretto

next
Articolo Successivo

Adozioni, dal Congo sì a partenza di 72 bambini. Ma altri 1.500 restano bloccati in attesa di una nuova legge

next