E’ di almeno 27 morti e 180 feriti il bilancio dell’esplosione avvenuta in una discoteca di Bucarest. Lo ha riferito il segretario di Stato del ministero della Salute della Romania, Raed Arafat, secondo cui il numero delle vittime potrebbe salire. Al momento dell’esplosione, oltre 200 giovani si trovavano nel locale “club Colectiv” per assistere al concerto della rock band “Goodbye to Gravity”, che doveva presentare il suo nuovo album “Mantras of War”, accompagnato da uno spettacolo pirotecnico. E l’origine della tragedia potrebbe essere proprio riconducibile ad un problema con i fuochi d’artificio. Nel frattempo, la procura ha avviato un’indagine. Da parte sua, mentre il ministero della Saluta ha invitato i cittadini a donare il sangue, il governo ha convocato una riunione di emergenza per questa mattina. Il presidente Klaus Iohannis ha espresso “sgomento e profonda tristezza” per quanto avvenuto. E’ un momento, ha scritto Iohannis su Facebook, “molto triste per la nostra nazione”. Recentemente il locale era stato multato per mancanza di personale qualificato. Secondo alcuni testimoni, citati dall’agenzia di notizie Mediafax, l’incendio sarebbe avvenuto durante lo show pirotecnico ed il fuoco avrebbe raggiunto una colonna rivestita di materiale per l’isolamento acustico vicino al palco. Una guardia della sicurezza avrebbe cercato, ma senza successo, di spegnere il fuoco, che si è diffuso rapidamente verso il soffitto e le pareti. Inoltre, inizialmente, era aperta solo una delle due porte per uscire e questo ha generato una ressa tra i presenti che cercavano di mettersi in salvo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Argentina: non camminano più i mocassini di Néstor Kirchner

next
Articolo Successivo

Isis, la rivendicazione: “Ecco il video dell’aereo russo colpito in Egitto”. Nessuna conferma dell’autenticità

next