Al meeting napoletano del movimento Noi con Salvini spuntano anche i “militanti a loro insaputa” in perfetto stile berlusconiano. Lo scopo? Fare numero. “Siamo partiti da Scampia – spiega uno dei partecipanti – Due autobus con circa 100 persone. Ma non ci hanno detto che si trattava di una manifestazione a favore di Matteo Salvini, altrimenti non sarei venuto, io sto con Berlusconi”. Ad altre persone è stato detto che avrebbero partecipato a un’iniziativa contro la disoccupazione. Così in molti non sanno neanche il motivo della loro presenza e sono i cronisti a doverglielo spiegare. “Evidentemente – commenta un militante – ha capito che non siamo terroni”. Intanto all’interno della sala si parla di amministrative. “Ci stiamo organizzando per andare da soli alle prossime elezioni comunali – dice Gianluca Cantalamessa, candidato sindaco di Napoli per Noi con Salvini – ma non escludo alleanze, anche con il candidato sindaco di Forza Italia Gianni Lettieri”  di Fabio Capasso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marino in trincea cerca la minoranza Pd e chiama Bersani. Lui: “Fai ciò che ti senti”

next
Articolo Successivo

Migranti, Juncker: “Flessibilità per costi accoglienza? Sì, se dimostrati”

next