Il Coni dalla parte di Valentino Rossi. E “non per un fatto istituzionale” ha detto il presidente Giovanni Malagò a proposito del contatto tra il Dottore e Marc Marquez a Sepang, costato al pilota italiano una penalità che rischia di compromettere seriamente la corsa al titolo. “Mi sembra che Valentino stesso lo abbia riconosciuto, è cascato nella provocazione” ha detto il numero uno dello sport italiano. “C’è una responsabilità da parte sua però io lo voglio assolutamente difendere e non per un fatto istituzionale” ha puntualizzato Malagò, secondo cui “la poca sportività dimostrata da Marquez” ha confermato come le dichiarazioni della vigilia di Rossi “fossero assolutamente vere”. Malagò non è entrato nel merito della squalifica comminata a Rossi, che partirà dall’ultima fila nel decisivo Gp di Valencia, ma non ha mancato di sottolineare come “così facendo si sia falsato il mondiale e questo non lo trovo giusto”.

“Sono particolarmente vicino a Valentino e lo abbraccio forte” ha concluso il presidente del Coni a margine di un convegno sulla scherma. Il pesarese, ancora leader del mondiale, ha fatto intendere che potrebbe anche non presentarsi al Gp decisivo in Spagna. “Capisco il suo rammarico e la sua rabbia perché oggettivamente sarebbe un risultato straordinario per lui vincere questo decimo mondiale dopo una stagione strepitosa – ha dichiarato Malagò – Se potessi dargli un consiglio gli direi invece di partecipare per non dare alibi e soddisfazione alle persone che hanno creato questi problemi. Questo – ha concluso – lo metterebbe in condizione di avere ancora più affetto da parte della gente e non solo della sua gente”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valentino Rossi contro Marquez ma non solo. Antologia delle carenate: da Doohan a Gibernau

next
Articolo Successivo

MotoGp, Rajoy: “Nello sport come nella politica non vale tutto. Appoggiamo Marquez”. E Renzi telefona a Rossi

next