Altro che via libera assicurato: l’esame della legge di Stabilità è appena iniziato e i dubbi rimangono. Smorzando la ventata di ottimismo di area filogovernativa, il vicepresidente Valdis Dombrovskis durante un incontro ristretto con la stampa a Bruxelles ha messo i puntini sulle i. Mentre il Parlamento ancora attende di vedere il testo della legge, che non è nemmeno arrivata al Quirinale, il lettone ha spiegato che “alcune azioni prese a livello di politica fiscale” dall’Italia “non sono in linea con le raccomandazioni generali” dell’Ue, che a più riprese ha chiesto di spostare il carico fiscale dal lavoroconsumi e proprietà. Dombrovskis del resto già giovedì scorso, mentre a Roma era in corso il consiglio dei ministri, aveva ricordato che le questioni fiscali “sono prerogativa degli Stati, ma la Commissione deve vedere come quelle politiche affrontano gli squilibri macroeconomici e le sfide che i Paesi affrontano”.

L’esecutivo Ue “discuterà” con le autorità italiane sulle ragioni di questa scelta e gli impatti potenziali, ha continuato Dombrovskis, sottolineando come alla Commissione serviranno “diverse settimane” per analizzare le bozze e arrivare a un giudizio definitivo sia sulle manovre (tutti i 28 Paesi devono presentarle lo stesso giorno) sia sulle richieste di flessibilità sul deficit avanzate da parte degli Stati invocando la clausole delle riforme, quella degli investimenti e quella “dei migranti”. In base a quest’ultima Palazzo Chigi e il Tesoro hanno chiesto di poter aumentare l’indebitamento di circa 3,3 miliardi, anche se quei soldi verrebbero poi usati per finanziare interventi che con l’emergenza immigrazione non c’entrano nulla: dall’anticipo al 2016 del taglio dell’Ires all’ampliamento della no tax area per i pensionati.

“Stiamo valutando, quindi non sono in grado di commentare” la legge di Stabilità italiana, ha aggiunto ancora Dombrovskis, ricordando di dover anche “prendere in considerazione le previsioni economiche che saranno rese note il 5 novembre e, basandoci su questi dati, faremo la nostra valutazione del rispetto delle regole di bilancio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Credit Suisse, aumento di capitale da 5,6 miliardi di euro e tagli di spesa per 3,2. A rischio 1.600 posti di lavoro

next
Articolo Successivo

Volkswagen, armatore norvegese chiede 50 milioni di risarcimento: “Test falsati anche sui motori delle navi”

next