Un maxi sconto ai commercianti e a tutti gli esercenti che non fanno lo scontrino ma pagano la multa entro due mesi. E l’anticipo di 12 mesi, all’1 gennaio 2016, dell’entrata in vigore delle nuove norme che riducono le sanzioni amministrative per una serie di violazioni fiscali. Sono le novità in tema di evasione che emergono dalle bozze della legge di Stabilità, già criticata dalla minoranza Pd per l’innalzamento del tetto ai pagamenti in contante che secondo Pier Luigi Bersani “favorisce nero e riciclaggio“.

Uno degli articoli della bozza stabilisce che chi non rilascia ricevuta o scontrino ma versa la sanzione entro 60 giorni in un’unica rata e “comunicando l’avvenuto pagamento all’Agenzia delle Entrate e all’organo che ha redatto il processo verbale” si vedrà ridotta la multa a un sesto del minimo previsto dalla legge, che è 250 euro. Vale a dire che se la caverà con meno di 42 euro.

Basta invece una riga dell’articolo dedicato alle “Misure di riduzione e razionalizzazione fiscale per le imprese ed i lavoratori autonomi” per anticipare di un anno l’applicazione della contestata riforma del sistema sanzionatorio per i reati tributari nella parte che riguarda la revisione delle sanzioni amministrative. Così, per esempio, entreranno in vigore già l’anno prossimo invece che nel 2017 le multe ridotte per violazioni fiscali considerate “minori“, comprese quelle sulla dichiarazione Irap da parte delle imprese, i ritardi nei versamenti e le dichiarazioni presentate oltre la scadenza.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Povertà, Eurostat: “Il 25% dei cittadini Ue è a rischio. In Italia saliti al 28%”

next
Articolo Successivo

Legge Stabilità, dirigenti della Ragioneria “ammutinati” contro taglio al fondo premi. A rischio stesura della manovra

next