Come anticipato da Matteo Renzi, la legge di Stabilità prevede che dal prossimo anno il canone Rai scenda da 113 a 100 euro e sia pagato nella bolletta della luce, dove sarà indicato “come distinta voce”. Ma dalle bozze della manovra emerge anche che quanti non pagano rischino una sanzione amministrativa pari a cinque volte il valore della tassa, quindi 500 euro. Sarà un decreto del ministro dello Sviluppo economico di concerto con quello dell’Economia, sentita l’Autorità garante per l’energia elettrica e il gas, a definire criteri, tempi e modalità per il pagamento. Prevista anche la rateizzazione del canone.

Anche il gestore del servizio di fornitura di energia elettrica rischia una multa se non denuncia i morosi: nella bozza si legge che “il mancato adempimento dell’obbligo di informativa a carico del gestore è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria pari al triplo dell’importo del canone indicato in fattura”, quindi 300 euro. Le aziende, che hanno già chiarito di ritenere la novità “un gran pasticcio, sono infatti tenute “ad informare con cadenza bimestrale l’Agenzia delle Entrate al fine dell’attivazione delle procedure di recupero”, recita il testo della norma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antitrust multa Telecom, Wind, Vodafone e 3 per 1,7 milioni: “Attivano servizi premium senza consenso consapevole”

next
Articolo Successivo

Povertà, Eurostat: “Il 25% dei cittadini Ue è a rischio. In Italia saliti al 28%”

next