Il debito pubblico italiano è calato in agosto di 15,5 miliardi di euro rispetto al mese precedente, attestandosi a 2.184,7 miliardi. Lo comunica la Banca d’Italia nel supplemento su Finanza pubblica, fabbisogno e debito. Si tratta del livello più basso da febbraio e del terzo calo mensile consecutivo dal picco record di 2.219,2 miliardi registrato a maggio. Tuttavia, precisa l’istituto di via Nazionale, nei primi otto mesi dell’anno il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 48,8 miliardi, a fronte di un fabbisogno complessivo pari a 24,9.

Il fabbisogno del mese di agosto (7 miliardi) è stato più che compensato dalla diminuzione di 22,5 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro che a fine agosto erano a 73,7 miliardi contro gli 82,4 di agosto 2014. “Trascurabile”, per Bankitalia, l’effetto complessivo della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione, del cambio dell’euro e degli scarti di emissione è risultato sostanzialmente trascurabile.

In particolare, ad agosto il debito delle amministrazioni centrali è diminuito di 14,7 miliardi sul mese precedente, quello degli enti locali di 0,8 miliardi e il debito degli enti di previdenza è rimasto sostanzialmente invariato. 

Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari ad agosto a 33,7 miliardi, in aumento di 1,2 miliardi rispetto allo stesso mese del 2014 (32,6 miliardi). Da gennaio 2015 le entrate tributarie sono state complessivamente pari a 258,7 miliardi, in aumento dello 0,8% rispetto a quelle relative allo stesso periodo dell’anno precedente (256,6 miliardi).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cina, l’economia rallenta ancora. A settembre importazioni giù del 20,4%, export a -3,7%

next
Articolo Successivo

Germania, governo Merkel riduce stime di crescita per il 2015 da 1,8 a 1,7%

next