E’ scattato all’alba lo sgombero del Cassero di Santo Stefano a Bologna, storico spazio occupato dal collettivo lgbt Atlantide. Lo sfratto era stato ordinato dal sindaco Virginio Merola alcuni giorni fa, interrompendo una trattativa che andava avanti da alcuni mesi. Gli attivisti, circa una cinquantina, hanno atteso carabinieri e polizia, arrivati intorno alle 6, con cartelli e striscioni, intonando canzoni e cori contro il sindaco e la presidente del quartiere Ilaria Giorgietti (da sempre schierata contro le attività del collettivo) .

Alcuni si trovavano all’interno della struttura e sono stati portati via di peso, ma tutto si è svolto pacificamente. “Mette molta tristezza vedere murare uno spazio che esiste da 17 anni” ha commentato il consigliere comunale Cathy La Torre, di Sel, che ora non dà più per scontata la sua permanenza nella maggioranza. Nei giorni scorsi, proprio la vicenda di Atlantide si era trasformata in un caso politico, con il licenziamento dell’assessore alla Cultura Alberto Ronchi, “reo” di aver contestato pubblicamente le scelte del sindaco, in particolare la definizione “lobby gay” usata da Merola. “E’ un’espressione che appartiene al linguaggio di Giovanardi. Le realtà lgbt fanno battaglie importanti per la città aveva commentato Ronchi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Predappio, Comune Pd si prende la Casa del Fascio: “Ora servono 5 milioni per farne un museo”

prev
Articolo Successivo

Bologna, strappo a sinistra nella giunta Pd. Ex assessore cultura: “Partito è disgrazia per la città, mandiamolo a casa”

next