Verdini non è il mostro di Lochness come dice Renzi? Infatti ha ragione, il mostro di Lochness è una leggenda, lui è invece un interlocutore reale. E’ l’indicatore dello spostamento del Pd verso i poteri forti: il problema non è Verdini ma le scelte di Renzi”. Lo afferma Stefano Fassina (fuoriscito dal Pd lo scorso giugno) a margine di un convegno economico su “Un piano B per l’Italia” alla Link Campus University di Roma. Il deputato condanna il degrado raggiunto in Senato con i gesti spinti dell’onorevole Lucio Barani, appartenente al gruppo guidato da Denis Verdini. “Un’offesa ai padri costituenti, uno spettacolo indegno”, afferma. “Ho i brividi”, gli fa eco Alfredo D’Attorre (deputato della minoranza Pd) che aggiunge: “Ci siamo venduti per un piatto di trippa? La minoranza dem non è un organizzazione, siamo deputati e senatori che fanno singole scelte, sulla Costituzione non c’è disciplina di partito che tenga. Figuriamoci di corrente. Il Pd di un tempo avrebbe provato imbarazzo per un Verdini partner delle riforme, è il segno dello snaturamento del  partito. “Ogni elettore del Pd – spiega Giorgio Sorial del M5S – dovrebbe riflettere se questo è il partito che ha votato, il programma e i compagni d’avventura scelti, sono i padri costituenti della volgarità e dell’inettitudine”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marino, cene di lusso tra le spese del sindaco di Roma. “Qui con la famiglia”

prev
Articolo Successivo

Senato, gesti sessisti in aula. M5s denuncia anche Vincenzo D’Anna: è il portavoce di Ala di Verdini

next