Due trombe d’aria e un nubifragio hanno colpito Livorno. Eventi atmosferici intensi e inattesi, come spiega una nota del Comune: i danni maggiori si sono verificati nella zona centrale della città. Il vento ha rotto alcune vetrate della sinagoga, da molti tetti sono cadute centinaia di tegole e si sono allagate strade e sottopassaggi. Molti gli interventi anche nel resto della città: il traffico è stato bloccato per diverse ore anche a causa del malfunzionamento dei semafori ma non ci sono stati allagamenti significativi. Danni e allagamenti si sono registrati a Stagno (alle porte della città, a nord) e a Collesalvetti, comune dell’entroterra di 15mila abitanti al confine con la provincia di Pisa.

In particolare nel sottopasso di via Firenze, nella zona nord della città, due anziani sono rimasti bloccati sulla loro automobile e sono stati liberati dalla protezione civile. Si tratta di un sottopasso che puntualmente si allaga dopo ogni temporale, che costringe spesso alla chiusura della vecchia Aurelia e quindi “isola” la città a nord. “Come amministrazione – scrive Nogarin su facebook – ci stiamo impegnando affinché di concerto con Regione e Consorzio di Bonifica l’annosa situazione di via Firenze venga messa definitivamente in sicurezza. Ma serve un impegno affinché il Governo e in particolare il ministro Delrio fornisca a tutte le amministrazioni locali risorse per la messa in sicurezza del territorio“.

Il sindaco Filippo Nogarin, dopo aver ringraziato protezione civile, vigili del fuoco e polizia locale, ha invitato la cittadinanza a non sostare nei prossimi tre giorni vicino ai palazzi più danneggiati e dai quali potrebbero cadere altre tegole.

Nel pomeriggio un’altra tromba d’aria si è abbattuta a Montieri, un paese sulle colline in provincia di Grosseto. Due pali della luce danneggiati e molti rami caduti hanno bloccato una strada, ma non ci sono stati feriti.  L’allerta rimane alta in tutta la Toscana: codice giallo per i forti temporali previsti per lunedì, nel sud est della regione e nell’interno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, torturava figlio con secchi d’acqua gelata e scosse. Arrestato algerino

prev
Articolo Successivo

Sinodo famiglia, Papa Francesco: “Questo non è un Parlamento in cui negoziare compromesso”

next