33127-teaser1

Le Internationale Spieltage (Giornate internazionali del gioco) di Essen, giunte alla 33° edizione (8-11 ottobre 2015), sono ancora indiscutibilmente la più importante manifestazione di giochi aperta al pubblico del mondo. 4 giorni, 160.000 visitatori, 800 espositori da più di 40 nazioni.
Tu vai lì e se sei un appassionato di giochi da tavolo (o di giochi in generale) non te ne vorresti più andare. Entri in uno stand, scegli un gioco, ti siedi al tavolo con i tuoi amici (o per terra se è tutto occupato) e ti metti a giocare. Poi ne scegli un altro, poi visiti un altro stand e avanti così fino a che non ce la fai più.
E naturalmente non ce la puoi fare a vedere tutto, solo quest’anno per esempio vengono presentate circa 1.000 novità. E poi ci sono eventi di tutti i tipi, tornei, premi, negozi, bancarelle dell’usato, asta degli scambi, incontri… e tutto funziona alla perfezione: se sei un giornalista, ricevi a casa l’invito e il pass per il parcheggio già due mesi prima.

Erano gli anni ’80 quando ci sono andato per la prima volta. E non ho incontrato nessun altro italiano, non solo tra gli espositori, ma nemmeno tra i visitatori. A quell’epoca in Italia non c’erano i “gamers”, gli appassionati di giochi da tavolo e come giochi da tavolo non ci si addentrava tanto oltre Monopoli e Risiko! Insomma la cultura del gioco era tutta da costruire.
Ebbene, sono rimasto folgorato. Vedere questi enormi padiglioni con decine di migliaia di persone intente a giocare ogni possibile tipo di gioco mi ha tolto il respiro, nulla di simile era nemmeno immaginabile in Italia. Ma i tempi sono cambiati, da quell’esperienza (e dal Festival des Jeux di Cannes) é nato il Festival Italiano dei Giochi, la prima vera grande kermesse ludica italiana: particolarmente memorabili le tre edizioni di Gradara (dal ’91 al ’93). Poi le manifestazioni di giochi si sono moltiplicate in tutta la penisola e oggi non c’è che l’imbarazzo della scelta. Andiamo dall’iper-affollata Lucca Games, dove però i giochi da tavolo sono una delle tantissime cose, alla più specializzata Play a Modena, costruita proprio attorno ai veri appassionati. Ma ripeto, quasi ogni weekend non c’è che l’imbarazzo della scelta di dove andare a giocare.

_7403869_orig

Dicevamo di Essen. Oggi gli italiani arrivano in massa e devo dire che fanno bene. Decine e decine di espositori, migliaia di appassionati, avidi di novità. E per gli autori la possibilità di incontrare i redattori delle principali case editrici del mondo. Un’esperienza unica.

11998928_1030281793670164_5495946120302466723_n

E quest’anno per l’Italia c’è anche un’occasione speciale per festeggiare, perché a Essen vengono assegnati sia il Deutscher Spiele Preis 2015, il più importante premio di giochi al mondo basato sulle votazioni dei giocatori, che l’International Gamers Award e un gioco con autori italiani se l’è aggiudicati entrambi. È un risultato eccezionale perché mai nessun autore italiano aveva vinto il Deutscher Spiele Preis. Il capolavoro l’ha compiuto Auf den Spuren von Marco Polo di Daniele Tascini e Simone Luciani. Nel 2012 questo gioco si era aggiudicato il Premio Archimede (un concorso riservato a prototipi inediti) con il più semplice nome di Marco Polo; ora è edito da Hans im Glueck, forse la più prestigiosa ditta di giochi da tavolo in assoluto, e sta mietendo riconoscimenti in tutto il mondo.

Ciliegina sulla torta il 7° posto al Deutscher Spiele Preis di un altro gioco che proviene dalla gavetta del Premio Archimede: si tratta di Cacao di Phil Harding, ora edito da Abacus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vacanze addio! Riflessioni di fine stagione

prev
Articolo Successivo

Viaggiare senza Tripadvisor? Nel 2015 non ne siamo più capaci

next