Possibile caso di Ebola a Genova. Un ragazzo originario della Sierra Leone è stato ricoverato in isolamento all’ospedale San Martino, nel reparto malattie infettive.

L’uomo, un ingegnere di 25 anni, era arrivato in città il 19 settembre per un stage ed era sotto osservazione da parte dell’Asl3 perché proveniente da una zona a rischio. Il 30 settembre, dopo aver detto ai medici di avere la febbre, l’Asl ha subito inviato un ambulanza, con infermieri dotati di guanti, maschere e tute per evitare ogni possibile contagio.

Dei campioni di sangue del giovane sono stati inviati all’ospedale Spallanzani di Roma per essere analizzati. Tra qualche giorno arriveranno gli esiti degli esami.

Se venisse confermato, questo sarebbe il terzo caso di Ebola in Italia. nel 2015, infatti, sono stati colpiti dal virus il medico siciliano Stefano Pulvirenti  e l’infermiere sardo Stefano Marongiu. Entrambi lavoravano con Emergency ed erano stati in Sierra Leone, uno dei paesi più colpiti dall’epidemia. I due sono stati curati allo Spallanzani e sono guariti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, uccide la ex moglie e poi si spara al petto: carabiniere muore in ospedale

prev
Articolo Successivo

Chieti, giornalista tenta rapina a mano armata in supermercato: arrestato

next