Quattro persone sono state identificate e denunciate con l’accusa di essere gli aggressori dell’autista di bus picchiato a Roma la settimana scorsa perchè aveva chiesto a un ragazzo di spostare l’auto parcheggiata in doppia fila. Si tratta, oltre che del giovane, dei suoi genitori e della fidanzata.

I quattro sono stati individuati grazie alle indagini del Commissariato Prenestino. Verso le 18 di giovedì Giovanni Ardovini, durante l’ultima corsa del turno, si era imbattuto in una macchina che impediva all’autobus di passare.

Il proprietario, dopo numerose richieste, ha spostato l’auto ma quando ha notato che il bus era rimasto fermo nel traffico il giovane l’ha raggiunto e, lamentando il fatto che il conducente avesse preso il numero di targa per fare denuncia, ha rotto il finestrino con un pugno.

Gli altri presunti aggressori, i genitori del ragazzo e la fidanzata, avrebbero minacciato e aggredito Ardovini quando è sceso dall’autobus per salire sull’ambulanza. Calci e pugni sarebbero arrivati anche a chi cercava di difendere l’autista.

I quattro saranno a vario titolo denunciati per i reati di lesioni, minacce a incaricato di pubblico servizio, danneggiamento aggravato ed interruzione di un servizio pubblico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli, case confiscate da decenni e abitate dai boss. Perché lo Stato ha paura di cacciarli?

prev
Articolo Successivo

Roma, naviga sul Tevere con la sua Maserati: bloccato dalla polizia (VIDEO)

next