“Expo è stato annunciato come un evento a misura di gay, ma così non è stato”. Alessio Virgili, presidente di Aitgl (Associazione italiana turismo gay & lesbian), lamenta la mancanza di strategie per invogliare il popolo lgbt a varcare i cancelli di Rho: “Ci sono stati solo annunci, ma nessuna promozione rivolta ai viaggiatori gay. Pochissimi turisti omosessuali hanno visitato l’esposizione”. Ma allora cosa si poteva fare? “Si poteva dedicare una sezione del portale Expo al turismo lgbt oppure organizzare tour mirati. Per esempio, noi proponiamo un tour sulla vita omosessuale di Leonardo Da Vinci“. Anche perché i numeri del turismo gay non sono da trascurare: Eurisko stima un fatturato di 2,7 miliardi di euro l’anno in Italia. Da Milano, dove è stata presentata la fiera Expo turismo gay (Bergamo, 25-26 settembre), non legata all’esposizione universale, Virgili racconta anche le esigenze specifiche del turista omosessuale: “Cerca hotel e locali gay friendly, non per ghettizzarsi, ma per trovare persone con cui condividono mentalità e gusti sessuali”. Il problema evidenziato dagli addetti ai lavori non è la mancanza di iniziativa da parte delle aziende, ma l’assenza delle istituzioni. “Non siamo supportati nella comunicazione e negli investimenti – afferma Virgili – Manca un’accoglienza basata sul rispetto della diversità”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Expo, l’appello del lavoratore: ‘Dateci una prospettiva dopo l’evento’. Camusso: ‘Si apra un tavolo’

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, Al Bano e Gianna Nannini in un duetto promozionale per le loro aziende vinicole

next