Da oggi i video di Facebook diventeranno “immersivi”: il social network ha infatti annunciato che la News Feed supporta il roll-out dei video a 360 gradi. La nuova funzionalità – per ora disponibile solo dal web o su dispositivi Android – ricorda alcuni esperimenti di realtà virtuale, e permetterà all’utente, mentre guarda un video, di cambiare prospettiva semplicemente muovendo il cursore o ruotando lo smartphone. L’obiettivo primario è sempre quello di riuscire a connettere amici e luoghi, fornendo un’esperienza sempre più coinvolgente, accattivante e realistica.

Sono già diversi i publisher di contenuti multimediali che hanno deciso di lanciarsi nel progetto: a cominciare saranno Disney e Lucasfilm – i produttori di Stars Wars – che condurranno gli appassionati tra gli affascinanti mondi della fortunata serie cinematografica; a seguire, si uniranno media company come GoPro, Discovery, LeBron James & Uninterrupted, NBC Saturday Night Live, e Vice.

Per realizzare video a 360 gradi sono necessarie videocamere in grado di riprendere da più angolature, come ad esempio Bublcam – acquistabile online per 800 dollari – o Ricoh Theta, che invece costa circa 400 dollari. Considerando i prezzi – probabilmente troppo elevati per la maggior parte degli utenti del social network – inizialmente saranno soltanto i grandi player del settore a pubblicare questo genere di contenuti. Tuttavia è ipotizzabile che nel giro di pochi anni ci possa essere un graduale calo dei prezzi e una conseguente maggiore diffusione di videocamere panoramiche, che consentirà a molti di noi di pubblicare video a 360 gradi.

Già con l’acquisto di Oculus Rift, la startup che produceva schermi indossabili, Mark Zuckerberg aveva dimostrato interesso verso la realtà virtuale, un mondo di cui – dopo un iniziale successo di piattaforme come Secondo Life o la versione online di The Sims – non abbiamo più sentito parlare. Siamo sicuri che questa funzionalità sia soltanto un primo passo per un ritorno di fiamma verso i “mondi simulati”. Il progetto ad oggi è in continuo mutamento, e Facebook ha già fatto sapere che presto sarà disponibile anche per utenti iOS.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Apple car debutta nel 2019. Cupertino accelera sviluppo: al lavoro 600 persone

prev
Articolo Successivo

L’e-commerce può far ripartire l’Italia

next