Si detestano ma li accomuna il fatto che si vede che si annoiano profondamente e che entrambi non vedono l’ora di prendere il primo aereo per scappare, l’uno da Palazzo Chigi e l’altro dal Campidoglio. Difatti, domenica prossima Matteo Renzi rivola a New York per pranzare con Bill e Hillary Clinton (che figata!). Nelle stesse ore della fuga di Ignazio Marino a Philadelphia con la scusa di assistere alla messa di Papa Francesco.

E se Giorgia Meloni fa notare al sindaco che per onorare il Pontefice gli basta recarsi a San Pietro e non trasvolare l’Atlantico, è stato l’ex amico Diego Della Valle a segnalare puntualmente che piuttosto che lavorare il premier preferisce andarsene in giro “a dare una pacca sulla spalla a Obama, a fischiettare con la Merkel o a passeggiare sotto braccio con Hollande”.

Per carità, la politica è una barba con tutti quei dossier da leggere, discorsi da preparare, pallosissimi convegni a cui presenziare, senza contare le mille piccole grandi scocciature quotidiane a fare nomine o a produrre tweet. Stateci voi ore e ore nella direzione Pd a sorbirsi quelli che spaccano il capello (e non solo) sul comma cinque dell’articolo due, per non parlare delle sedute del Consiglio comunale trascorse a farsi insolentire da nullità patentate (quando non addirittura dagli amici di Carminati).

E tra scassarsi i marroni alla Fiera del Levante oppure pavoneggiarsi in tribuna d’onore a Flushing Meadows, onestamente cosa è preferibile? Si potrebbe banalmente osservare che a Renzi e a Marino il potere non gliel’ha mica ordinato il medico, ma si tratta appunto di demagogia. I premier sgobboni appartengono al passato e non è che abbiano prodotto cose molto diverse dai premier fancazzisti. Quanto al sindaco di Roma, con tutta la simpatia, si nota davvero la differenza tra quando c’è e quando non c’è?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Fi, 7 deputati e 1 senatore lasciano il partito e vanno con Verdini. C’è anche l’ex ministro Romano

next
Articolo Successivo

Ddl Penale: intercettazioni, la truffa dei partiti per giustificare il bavaglio

next