A processo per imbrattamento. A due anni dalla denuncia della polizia municipale, la street-artist di fama internazionale Alice Pasquini (in arte Alicè) è imputata per imbrattamento a Bologna per alcuni dei suoi disegni sui muri della città. A ottobre 2013 c’era stato l’intervento delle forze dell’ordine dopo che l’artista aveva rilasciato un’intervista al Corriere della Sera in cui parlava di alcune sue opere. Il provvedimento aveva fatto discutere e nei giorni successivi era stata organizzata una manifestazione in sua solidarietà, con tanto di performance artistica sulla staccionata che delimitava il cantiere sotto le Due Torri.

Disegnatrice, scenografa e pittrice, come la definiscono biografie sul web, AliCè ha firmato commissioni con marchi come Nike, Range Rover, Toyota e Microsoft. Recentemente è stata impegnata anche in un progetto del Comune di Roma, di street-art sul lungomare di Ostia. Oggi era in programma la prima udienza davanti al giudice monocratico Gabriella Castore. Contattata telefonicamente, l’artista ha preferito non commentare l’inizio del processo penale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gender, Lega organizza convegni con il logo di tre Comuni. “Uso mai autorizzato”

next
Articolo Successivo

Fiom Emilia: “Meglio un governo guidato dal M5S che nelle mani del Pd. Boschi figlia di papà”

next