“Vogliamo vigilare affinché il 1 novembre nessuno si dimentichi di noi”. Così Juri Sbrana, lavoratore Expo e rappresentante sindacale, interviene all’assemblea della Cgil svoltasi nel sito espositivo di Rho-Pero. Il timore per la maggior parte dei lavoratori con contratti a termine è che vengano invitati solo a corsi formativi e non in vere e proprie opportunità di lavoro. Sul tema è intervenuto anche il segretario Cgil Susanna Camusso: “Ci sono migliaia di giovani che hanno acquisito qui competenze, bisogna avviare una discussione con le agenzie interinali e con chi si occuperà del dopo-Expo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, perché non ci porterei i miei alunni

next
Articolo Successivo

Expo bocciato dal turismo gay: “Solo annunci, occasione persa per una fetta importante di visitatori”

next