“Vogliamo vigilare affinché il 1 novembre nessuno si dimentichi di noi”. Così Juri Sbrana, lavoratore Expo e rappresentante sindacale, interviene all’assemblea della Cgil svoltasi nel sito espositivo di Rho-Pero. Il timore per la maggior parte dei lavoratori con contratti a termine è che vengano invitati solo a corsi formativi e non in vere e proprie opportunità di lavoro. Sul tema è intervenuto anche il segretario Cgil Susanna Camusso: “Ci sono migliaia di giovani che hanno acquisito qui competenze, bisogna avviare una discussione con le agenzie interinali e con chi si occuperà del dopo-Expo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Expo 2015, perché non ci porterei i miei alunni

next
Articolo Successivo

Expo bocciato dal turismo gay: “Solo annunci, occasione persa per una fetta importante di visitatori”

next