“Questa creatura è cosa nostra”. La scritta è comparsa su alcuni manifesti per la festa di battesimo di un bambino, figlio di Francesco Rapisarda, detto Ciccio Ninfa, residente a Giarre e – come riporta Repubblica – ritenuto dagli investigatori vicino al clan Laudani, indagato in passato per associazione mafiosa. Le locandine di 6 metri per 3 e la foto del piccolo con la coppola bianca in testa sono comparse in diverse località tra Riposto e Giarre, nel Catanese.

Il questore di Catania, Marcello Cardona, ha subito ordinato la rimozione dei poster. Nel manifesto compare anche il logo di radio Universal e vengono indicati gli ospiti della serata tra cui degli artisti neomelodici e alcuni cantanti che in passato hanno partecipato ad alcuni programmi su Canale 5. La festa privata sarà comunque celebrata in una villa a Giarre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa a Cuba, Francesco è in viaggio. Castro e Obama: “Decisivo il ruolo del pontefice per il disgelo”

prev
Articolo Successivo

Liguria, bruciato cantiere navale di imprenditore testimone di giustizia ed ex infiltrato tra i narcos

next