E’ morta dopo un volo di 120 metri. Una ragazza di 25 anni, di Camposampiero (Padova), è precipitata dal Coston della Sisilla, un’alta parete panoramica nel Gruppo del Sengio Alto, nelle Piccole Dolomiti (Vicenza). Attorno alle 13, il Soccorso alpino di Recoaro-Valdagno è stato allertato dal 118, chiamato dal compagno della 25enne che si trovava con lei al momento dell’incidente.

I due erano saliti sulla Sisilla, una parete alta 120 metri la cui cima è raggiungibile grazie a un sentiero che termina con un breve tratto attrezzato, dove si trova una statua della Madonna circondata da corde di protezione. La coppia si è poi spostata su uno spuntone di roccia lì vicino e, al momento di percorrere a ritroso i 2-3 scalini di roccia, la ragazza è scivolata, rotolando per alcuni metri e precipitando nel vuoto fino alla base.

L’intervento dell’elicottero di Verona emergenza è stato inutile: il medico non ha potuto far altro che constatarne la morte. Ricomposta e messa sulla barella, la salma è stata trasportata a spalla dai soccorritori per circa 300 metri fino al passo, per essere affidata al carro funebre. Sul posto anche i carabinieri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Castano Primo, danni alla tensostruttura occupata da CasaPound: “Non ci hanno fatto riparare”

prev
Articolo Successivo

Napoli, “progetti fasulli”: indagato Paolo Longobardi, presidente di Unimpresa

next