Deve risarcire la madre del docente che molestò la figlia, ma non ha abbastanza soldi. Davide Zaccarelli ha tempo fino al 21 settembre per dare 21mila euro alla madre di Enzo Foschini, l’insegnante condannato per aver molestato la 15enne poi morta suicida nel 2014. Il padre, che vive a Faenza, ha chiesto aiuto online e dopo essere apparso al programma di Rai 1 “La vita in diretta” ha ricevuto messaggi di solidarietà da tutta Italia.

Foschini è stato condannato in Cassazione e sta scontando tre anni di carcere. Il processo civile per il risarcimento del danno ha invece visto un giudice condannare, il padre della ragazza, Davide Zaccarelli, ad un risarcimento, nei confronti della famiglia del molestatore, di 40mila euro di spese processuali e morali. La sentenza è immediatamente esecutiva e Zaccarelli sta pagando con un quinto dello stipendio ma la madre di Foschini, attraverso un legale, ha chiesto 21mila euro entro 10 giorni, pena il pignoramento dei beni.

La condanna di Davide Zaccarelli, padre della ragazza molestata, a risarcire la famiglia del molestatore parte da un’indagine della Guardia di finanza secondo cui Enzo Foschini, per evitare di pagare la provvisionale per la condanna per molestie, avrebbe spostato denaro nel conto del padre, spogliandosi dei propri beni. Un primo giudice dispose, dunque, il sequestro del conto del padre di Foschini. Poi però un altro giudice fece fare una perizia contabile, secondo cui non c’era prova che il denaro nel conto fosse effettivamente quello trasferito dal figlio. A quel punto i familiari di Foschini, ritenendosi penalizzati dal sequestro, chiesero il risarcimento del danno, accordato dal giudice, che ha dunque condannato Zaccarelli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Finale Emilia, commissione accesso consegna relazione al prefetto: possibile scioglimento per mafia

prev
Articolo Successivo

Puntatori laser, danni agli occhi per 3 bambini: Procura Bologna apre inchiesta

next