Nuove minacce via Facebook a Giulio Salvi, titolare dell’hotel Bellevue di Cosio Valtellino, che da mesi dà ospitalità a un gruppo di richiedenti asilo su richiesta della Prefettura di Sondrio. Sul social network sono stati postati messaggi che invitano amici e concittadini “a incendiare l’hotel che accoglie i profughi”. “Diamo fuoco all’albergo” che “sta a due minuti da casa mia”, incita dal suo profilo un uomo di cui appaiono soprannome, cognome e foto. Seguono accuse alla struttura ricettiva che, a suo dire, “incassa 4,5 milioni di euro con i profughi (finti)…”.

Già nelle scorse settimane Salvi aveva ricevuto una lettera anonima con minacce xenofobe: “Via i migranti dall’hotel o li uccido uno a uno”. L’albergatore, che attualmente accoglie un’ottantina di migranti, si è rivolto ai carabinieri di Morbegno che ora indagano con i colleghi del Nucleo investigativo del Comando provinciale. Informate anche la Digos della Questura di Sondrio e la stessa Prefettura.

 

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Terremoto Toscana, scossa di magnitudo 3.7 avvertita a Firenze e nel Chianti

prev
Articolo Successivo

Liguria, ondata di maltempo in tutta la regione: a rischio riapertura delle scuole

next